Questo articolo è stato letto 25 volte

Personale ex E.T.I., obbligatorio comunicare al Ministero dell’Interno la cessazione del rapporto di lavoro

Questioni interpretative in relazione alla capacità assunzionale nei Comuni

Per sopperire agli oneri relativi alla stabilizzazione del personale ex Ente Tabacchi Italiani presso Province, Città Metropolitane e Comuni, il Ministero dell’Interno ha emanato il provvedimento del 6 aprile con cui ha disposto il pagamento in acconto, nella misura del 70%, del contributo assegnato nell’anno 2021 a favore degli enti interessati, ai sensi dell’articolo 9 del d.l. n. 78/2010. In relazione a ciò, i predetti uffici pubblici sono obbligati a comunicare al Ministero dell’Interno tempestivamente le intervenute cessazioni del rapporto di lavoro relativo ai dipendenti ex E.T.I.

Difatti, come evidenzia il Dipartimento per gli Affari interni in un recente comunicato, le risorse finanziarie in esame sono assegnate fin quando rimane in essere il rapporto di lavoro con i soggetti ex E.T.I. trasferiti; la cessazione del quale comporta, conseguentemente, l’interruzione dell’erogazione. Inoltre, eventuali richieste di variazione degli importi assegnati, nonché chiarimenti su aspetti non riguardanti i dati finanziari, dovranno essere trasmesse al Ministero dell’Economia  – Dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi – Direzione Centrale per i Servizi al Personale, essendo quest’ultima Amministrazione responsabile delle somme fin qui erogate. Il saldo del restante 30% sarà disposto entro il mese di ottobre 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>