Questo articolo è stato letto 950 volte

L’organizzazione del lavoro nelle pubbliche amministrazioni ai tempi del Coronavirus

Approfondimento di Francesco Pellecchia

Ok al protocollo per il rientro in sicurezza del pubblico impiego

Laddove non si operasse in regime di emergenza, quindi, ci fosse spazio a commenti e riflessioni inizierei ricordando e coniugando un antico adagio (chi aveva tempo non avrebbe dovuto aspettate tempo – per introdurre modelli agili di organizzazione del lavoro), ma questa concessione non è permessa, quindi, andiamo al sodo.
Il Ministro della Pubblica Amministrazione nella home page del portale ministeriale (http://www.funzionepubblica.gov.it/) introducendo la sua ultima direttiva – la n. 2/2020 – ricorda che tra le linee di comportamento indirizzate alle amministrazioni vi è un’ulteriore spinta sul lavoro agile che diventa la forma organizzativa ordinaria.

Insomma tutti gli Enti che hanno mancato la scadenza dell’agosto 2018 (i quali, ai sensi dell’art. 14 della l. 124/2015, entro tre anni dalla promulgazione del provvedimento in parola, avrebbero dovuto adottare misure organizzative tese ad introdurre nuove modalità spazio temporali di svolgimento della prestazione lavorativa – detta in altri termini, avrebbero dovuto introdurre il lavoro agile o smart working – almeno per il 10% dell’ammontare della popolazione dipendente) si trovano oggi nella condizione di dover, con immediatezza, convertire i tradizionali modelli di organizzazione del lavoro verso la nuova forma indicata nella citata Direttiva.
Il lavoro agile non si inventerebbe con un provvedimento normativo del legislatore nazionale o regolamentare del singolo Ente e, giustamente, il legislatore riformista del 2015 aveva dato tempo 3 anni alle PP.AA. per ripensare i propri modelli di organizzazione del lavoro (pena effetti negativi al momento della misurazione dei livelli di performance organizzativa ed individuale traguardati dalle Amministrazioni e dai datori di lavoro pubblici).
Ora non è più possibile passare dalle costruttive e sequenziali fasi di sperimentazione, check, consolidamento e generalizzazione, ma bisogna solo attuarlo sul maggior numero possibile di dipendenti degli Enti. Restano fuori dal massiccio ricorso allo smart working…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

*****

FORMAZIONE

L’organizzazione del lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni ai tempi del Coronavirus

Il lavoro agile e le recenti indicazioni del Dipartimento Funzione Pubblica: VIDEOCONFERENZA IN DIRETTA giovedì 26 marzo dalle ore 14,30 alle 16

© RIPRODUZIONE RISERVATA

One thought on “L’organizzazione del lavoro nelle pubbliche amministrazioni ai tempi del Coronavirus

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>