Questo articolo è stato letto 271 volte

La Manovrina è legge: arrivano i nuovi voucher

voucher buoni lavoro

Il Senato ha posto la fiducia sul decreto legge 50/2017 con 144 sì, 104 no e un solo astenuto. E così la manovrina correttiva dei conti pubblici, già approvata dalla Camera il 1°giugno, è diventata legge. Al decreto, in scadenza il 23 giugno, non sono state apportate modifiche rispetto al testo approvato alla Camera.

Tra le principali novità ci sono lo split payment esteso a società pubbliche e quotate e ai professionisti, i rimborsi Iva più veloci, la web tax transitoria, l’imposta di soggiorno per le case private, i nuovi voucher, l’abolizione delle monetine da 1 e 2 centesimi e la previsione di un Fondo per i Comuni colpiti dal sisma.

Per quanto riguarda i nuovi voucher arrivano i Libretti famiglia e il contratto di prestazione occasionale, completamente online e semplificato, riservato alle microimprese sotto i 5 dipendenti e per un massimo di 5mila euro, eventualmente elevabile a 7.500 euro in caso di “assunzione” di particolari categorie di lavoratori “marginali”, vale a dire disoccupati, studenti, pensionati). Inoltre, si potrà attivare il nuovo contratto telematico per non meno di quattro ore. Il contratto “occasionale” è espressamente escluso in edilizia e negli appalti.
La retribuzione massima che può percepire un lavoratore si abbassa a 2.500 euro se a erogarli è lo stesso committente e il valore minimo orario dei buoni è di 9 euro.
Per le famiglie che si avvalgono occasionalmente di colf, badanti e baby sitter viene introdotto un ‘libretto di famiglia’, anche qui l’intera procedura sarà online, ma molto più semplificata e il valore minimo orario dei buoni è di 10 euro.

 

Consigliamo il CORSO di FORMAZIONE:
LA DISCIPLINA DEL PUBBLICO IMPIEGO DOPO I DECRETI ATTUATIVI MADIA
Relatori: Giuseppe Canossi, Stefano Gliniansky, Sylvia Kranz, Marco Rossi

Bologna, 5 luglio 2017

CONSULTA il PROGRAMMA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>