Segretari comunali: contributi a favore dei Comuni fino a 5.000 abitanti

Pubblicato in G.U. il D.P.C.M. 1° maggio 2023 “Contributo di cui all’art. 1, comma 828, della legge 29 dicembre 2022, n. 197, a favore dei Comuni fino a 5.000 abitanti per la spesa dei segretari comunali

20 Giugno 2023
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 giugno, n. 136 il D.P.C.M. 1° maggio 2023, che relativamente ai Comuni fino a 5mila abitanti ridetermina in base al nuovo CCNL gli oneri relativi al costo annuo del personale con contratto a tempo determinato assunto per iniziative di assistenza tecnica per il PNRR e disciplina il relativo contributo, oltre al contributo previsto per sostenere, sempre nei piccoli Comuni, gli oneri relativi al trattamento economico dei segretari comunali.

>> Clicca qui per consultare il Focus elaborato da Anci Lombardia

Il decreto, previsto dall’art. 1, comma 828, della legge 29 dicembre 2022, n. 197, è finalizzato a supportare i comuni con popolazione fino a 5mila abitanti, a decorrere dall’anno 2023 e per la durata del Piano nazionale di ripresa e resilienza, fino al 31 dicembre 2026.

>> Clicca qui per leggere: La nota della Funzione pubblica

>> Vedi anche: D.P.C.M. 12/5/2023 (G.U. 12/6/2023 n. 135) – Autorizzazione al Ministero dell’interno – direzione centrale per le autonomie – Albo dei segretari comunali e provinciali (ex AGES) ad assumere n. 103 unità di segretari comunali

VOLUME CONSIGLIATO

Pacchetto per la predisposizione del fabbisogno del personale 2023-2025

L’introduzione del Piano Integrato di Amministrazione e Organizzazione (PIAO), di cui all’articolo 6 del decreto-legge n. 80/2021, ha portato significative modifiche sulla modalità di presentazione del piano dei fabbisogni del personale, operando quasi una duplicazione delle informazioni finanziarie contenute nel DUP e IN quelle inserite nella sezione del PIAO. Il DUP, pertanto, rappresenta la condizione necessaria per poter correttamente redigere il piano dei fabbisogni del personale, in quanto contiene la cornice finanziaria da rispettare sia nel bilancio di previsione sia nella sezione del PIAO, lasciando a quest’ultimo l’eventuale dettaglio operativo sulle varie modalità di approvvigionamento del personale (assunzioni, mobilità, scorrimento di graduatorie, stabilizzazione, ecc.) con il vincolo della coerenza con i limiti del bilancio di previsione che, a sua volta, dovrà rispettare i limiti finanziari stabiliti dal Consiglio comunale in sede di approvazione del DUP.Al fine di poter correttamente operare, il presente pacchetto contiene un ebook che guida alla predisposizione del piano del fabbisogno del personale 2023-2025, attraverso una simulazione operativa della struttura di massima che il documento della sezione del fabbisogno del personale dovrà contenere.I dati inseriti nelle varie tabelle di riferimento, dalla dotazione organica teorica (l’ultima formalmente approvata dall’ente) a quella effettiva, con relativo personale occupato, le cessazioni e le assunzioni previste nel triennio di riferimento, altro non sono che le tabelle ottenute dal file excel di supporto. Quest’ultimo indica, pertanto, le complesse operazioni da condurre al fine di verificare la sostenibilità finanziaria da parte dei comuni, cui seguono i calcoli relativi alla programmazione del personale come definiti dal D.Lgs. n. 75/2017 e delle “linee di indirizzo per la predisposizione dei piani dei fabbisogni di personale da parte delle PA” emanate dal Ministero della Pubblica Amministrazione l’ 8 maggio 2018 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale n. 173 del 27 luglio 2018.Il pacchetto, al fine di offrire un concreto ausilio agli adempimenti richiesti dalla normativa, contiene la seguente documentazione:› Ebook per la guida alla predisposizione del piano del fabbisogno del personale 2023-2025 da inserire nel DUP con una simulazione operativa delle tabelle finanziarie necessarie;› File excel per il calcolo della dotazione organica in termini finanziari;› File excel di calcolo delle capacità assunzionali proiettate nell’anno 2023 (con attenzione al fatto che gli enti che avessero approvato il conto consuntivo 2022 dovranno aggiornare il triennio di riferimento (entrate correnti triennio 2022-2021-2020 e il fondo crediti di dubbia esigibilità inserendo il valore assestato del bilancio dell’anno 2022) oltre ad aggiornare la spesa del personale 2022 da conto consuntivo).Vincenzo GiannottiDirigente dell’Area gestione risorse (umane, economiche e finanziarie) di Comune capoluogo di Provincia, dottore commercialista e revisore enti locali, autore di libri e di numerose pubblicazioni, direttore del sito bilancioecontabilita.it.

Vincenzo Giannotti | 2023 Maggioli Editore

Redazione Il Personale

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento