Le mansioni

di C. Dell’Erba (www.ilpersonale.it 26/3/2012)

La privatizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici determina l’obbligo di utilizzare i dipendenti per le mansioni per le quali sono stati assunti ovvero per quelle che hanno conseguito per effetto di sviluppo professionale o per mansioni che devono essere “considerate equivalenti nell’ambito della classificazione professionale prevista dai contratti collettivi”. Le mansioni superiori possono essere assegnate solamente entro i limiti assai rigidi dettati dal legislatore. Da sottolineare che il rispetto di questi vincoli è uno dei temi che è oggetto di verifica da parte degli ispettori della Ragioneria Generale dello Stato, anche alla luce della considerazione che la violazione di tali limiti determina l’insorgere di responsabilità in capo al dirigente competente.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.