Gentile (Cgil): scarso senso dello Stato da parte dei dirigenti pubblici

Michele Gentile, responsabile del dipartimento settori pubblici della Cgil nazionale, commentando le indiscrezioni “sull’emergere di interpretazioni capziose e limitative” del tetto retributivo posto ai dirigenti pubblici di 304 mila euro: “Il tentativo di fuga dal tetto retributivo dei dirigenti pubblici da parte di altissime figure di ‘grand commis’ non è edificante né consono alla stagione che il paese sta vivendo: un’altra prova di scarso senso dello Stato e di profonda iniquità”.

Gentile si augura che “il governo, forte anche della normativa vigente e della disciplina degli incarichi, non acconsenta a tale tentativo ribadendo l’immediata validità della nuova normativa contenuta nel decreto ‘Salva Italia’. Crediamo sia altrettanto necessario rivedere complessivamente la normativa dei pluri incarchi, e delle ‘pluri’ retribuzioni, che vanno bloccati”.

(FONTE: www.ilpersonale.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.