Questo articolo è stato letto 98 volte

Demansionamento del dirigente

Demansionamento del dirigente

Attraverso la sentenza del 18 giugno 2020, n. 11891 la Corte di Cassazione respinge il ricorso di un dirigente pubblico per demansionamento dovuto alla mancata riconferma dell’incarico di funzione con attribuzione di un nuovo incarico di dirigente in posizione di staff.

La Corte afferma che alla qualifica dirigenziale corrisponde esclusivamente l’idoneità professionale all’assunzione degli incarichi dirigenziali di qualunque tipo, senza che sia configurabile un diritto soggettivo a mantenere o a conservare un determinato incarico, per cui la cessazione di un incarico di funzione e la successiva attribuzione di un incarico di studio ai sensi dell’aùart. 19, comma 10, d.lgs. 165/2001 non determina un demansionamento.

>> IL TESTO DELLA SENTENZA DELLA CASSAZIONE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>