Decreto PNRR diventa legge: le novità in materia di lavoro

9 Maggio 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 29 aprile 2024, n. 56, di conversione, con modificazioni, del decreto legge 2 marzo 2024, n. 19, recante ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Il Decreto PNRR è una normativa chiave che riguarda numerose modifiche e aggiornamenti in ambito lavorativo in Italia.

Le principali novità

Ecco un riassunto delle principali novità introdotte:

  1. Trattamento del personale in appalto e subappalto: ora è richiesto che il trattamento economico e normativo del personale impiegato sia non inferiore a quello previsto dai contratti collettivi nazionali e territoriali più rappresentativi. Questo modifica la precedente disposizione che faceva riferimento al contratto “maggiormente applicato” nel settore e zona dell’attività.
  2. Patente a crediti per imprese e lavoratori autonomi: Introdotto un nuovo sistema di patente a crediti per chi opera nei cantieri edili, con la possibilità di estendere questa patente ad altri ambiti di attività. Questa patente inizialmente ha 30 crediti, e non è possibile operare con meno di 15 crediti, tranne in casi specifici di avanzamento dei lavori. Il punteggio può essere ridotto in base a provvedimenti definitivi contrari.
  3. Aumento degli introiti per il personale ispettivo: La quota degli introiti derivanti da sanzioni amministrative, che può essere corrisposta al personale ispettivo, è stata aumentata al 20% della retribuzione lorda annua.
  4. Sicurezza nei cantieri: Sono state introdotte nuove norme per migliorare la sicurezza nei cantieri, specialmente quelli per la ricostruzione nelle aree colpite dai sismi del 2016 in Italia centrale.

Queste modifiche mirano a rafforzare la tutela dei lavoratori e migliorare la sicurezza e la qualità nel settore delle costruzioni, incentivando al contempo la trasparenza e la responsabilità nelle operazioni.

Redazione Il Personale

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento