Questo articolo è stato letto 232 volte

Cade il bando di concorso se non è stata svolta la mobilità volontaria in modo contestuale

Approfondimento di Vincenzo Giannotti

Cade il bando di concorso se non è stata svolta la mobilità volontaria in modo contestuale

In considerazione di alcuni dubbi, da parte della giurisprudenza amministrativa, sulla partecipazione alla mobilità volontaria di un dipendente con posizione giuridica di Categoria D1 ad un posto per categoria giuridica D3, il Tribunale amministrativo per la Campania (sentenza n. 2818/2020) ha ritenuto legittimato il medesimo candidato alla demolizione del concorso pubblico esterno in assenza della previa mobilità volontaria contestuale. Il fatto che la precedente mobilità volontaria fosse andata deserta, per il posto oggetto di concorso, non è stata considerata sufficiente per ottemperare al precetto normativo, con il conseguente annullamento della procedura di concorso.

La vicenda

Un candidato alla mobilità volontaria, dipendente a tempo indeterminato presso altro ente locale, ha impugnato la decisione del comune, cui aveva chiesto di poter transitare in mobilità volontaria, di indire la procedura di un concorso pubblico esterno per l’assunzione, a tempo indeterminato part-time (50% del tempo pieno, 18 ore settimanali), di un funzionario direttivo economico finanziario, categoria giuridica D3. Per il ricorrente, il concorso pubblico sarebbe da annullare, per non aver l’ente proceduto ad una contestuale idonea procedura di mobilità, ex artt. 30, comma 2 bis, e 34 bis del d.lgs 165/2001, alla quale il ricorrente avrebbe avuto interesse a partecipare (avendo peraltro acquisito il nulla osta preventivo per il trasferimento dal sindaco del Comune di appartenenza).
Attivato il ricorso davanti al Tribunale amministrativo di primo grado, l’ente locale si è difeso precisando la carenza di interesse del candidato alla mobilità, inattuabile a dire dell’ente, in quanto non avrebbe potuto partecipare per la copertura di un posto di categoria giuridica iniziale D3, rivestendo il candidato ricorrente la posizione di sviluppo nella Categoria D2, con provenienza dalla categoria iniziale giuridica D1. Inoltre, nel merito il Comune si difende precisando che, la mobilità volontaria a suo tempo indetta, per il medesimo profilo professionale, era risultata priva di candidati, da cui è conseguito l’emissione del relativo bando di concorso esterno per reclutare la medesima figura professionale.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>