Questo articolo è stato letto 246 volte

ARAN – Limite massimo per la costituzione di rapporti di lavoro part time

part-time_1217

Orientamenti applicativi ARAN 18/11/2016 n. RAL_1878

La percentuale del 25%, prevista dall’art.4, comma 2, del CCNL del 14.9.2000, come limite massimo per la costituzione di rapporti di lavoro a tempo parziale (part time), trova applicazione solo nel caso di trasformazione di rapporti di lavoro a tempo pieno a tempo parziale o anche nel caso di assunzione ex novo di un dipendente a tempo parziale, nell’ambito della programmazione triennale dei fabbisogni?
In tale ultima ipotesi come deve essere calcolata la percentuale del 25% nel caso di assunzione nell’ambito della categoria B, la cui relativa dotazione organica prevede tre posti a tempo pieno, dei quali:

– uno è coperto con contratto di lavoro a tempo indeterminato e parziale;
– uno non è coperto, in quanto l’ente si avvale di un lavoratore di altro ente, ai sensi dell’art.14, comma 1, del CCNL del 22.1.2004;
– uno è quello vacante che l’ente intende ricoprire con l’assunzione d un nuovo dipendente a tempo parziale?

Relativamente alla particolare problematica esposta, si ritiene utile precisare quanto segue:
a) in base all’art. 4, comma 2, del CCNL del 14.9.2000, la possibilità di costituire rapporti di lavoro a tempo parziale è contenuta nel limite massimo quantitativo del 25% della dotazione organica complessiva del personale a tempo pieno di ciascuna categoria;
b) la suddetta percentuale del 25%, come limite massimo, è unica e vincola l’ente con riferimento ad entrambe le possibili modalità di costituzione del rapporto di lavoro a tempo parziale e cioè sia nel caso di specifiche assunzioni con tale particolare tipologia di rapporto di lavoro, sia in quello della trasformazione (su richiesta del personale) a tempo parziale di precedenti rapporti di lavoro a tempo pieno;
c) tale contingente quantitativo, in base alle previsioni contrattuali, è insuperabile, salva l’applicazione, ove ne ricorrano le condizioni, delle previsioni del comma 11 dello stesso articolo;
d) nella fattispecie esposta, come si evince dalle indicazioni fornite, nella dotazione organica della categoria B del vostro ente, sono previsti solo tre posti a tempo pieno;
e) in base al citato art.4, comma 4, del CCNL del 14.9.2000, applicando la riportata percentuale del 25%, nell’ambito della categoria B, è possibile la costituzione di un solo rapporto di lavoro a tempo parziale (25% di 3, con arrotondamento per eccesso all’unità);
f) poiché nella categoria B è già stato costituito un rapporto di lavoro a parziale, ad avviso della scrivente Agenzia, relativamente a tale categoria l’ente ha già utilizzato tutti gli spazi possibili per tale tipologia di rapporto di lavoro.

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>