Questo articolo è stato letto 152 volte

Pubblica Amministrazione: incarichi di studio o consulenza

OSSERVATORIO GIURISPRUDENZA

Pubblico impiego privatizzato: mobilità (competenza legislativa)

La Corte di Giustizia europea si pronuncia sua una questione interpretativa sollevata dal Tribunale amministrativo della Regione Sardegna, riguardante il possibile conflitto tra il divieto di conferire incarichi pubblici di studio o di consulenza a soggetti già pensionati stabilito dalla normativa italiana e gli artt. 1 e 2 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. Corte di Giustizia UE (Sez. VIII), 2 aprile 2020.

Massima

La direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, e in particolare l’art. 2, paragrafo 2, l’articolo 3, paragrafo 1, e l’articolo 6, paragrafo 1, della stessa, dev’essere interpretata nel senso che essa non osta a una normativa nazionale (nella specie prevista dall’art. 5, comma 9, del d.l. n. 95/2012), che vieta alle amministrazioni pubbliche di assegnare incarichi di studio e consulenza a persone collocate in quiescenza purché, da un lato, detta normativa persegua uno scopo legittimo di politica dell’occupazione e del mercato del lavoro e, dall’altro, i mezzi impiegati per conseguire tale obiettivo siano idonei e necessari. Spetta al giudice del rinvio verificare se ciò avvenga effettivamente nella fattispecie di cui al procedimento principale.

Fatto

Il 28 dicembre 2017, il Comune di Gesturi ha pubblicato un avviso di manifestazione di interesse al fine di assegnare un incarico di studio e consulenza per il centro di riciclaggio comunale. Per quanto concerne le condizioni di partecipazione, il suddetto avviso conteneva una clausola escludente del soggetto già lavoratore privato o pubblico collocato in quiescenza.
Un aspirante concorrente impugna la suddetta clausola ritenendo che costituisca una discriminazione indiretta in base all’età e, di conseguenza, debba essere dichiarata illegittima, se non nulla.
La norma interna che vieta l’incarico (art. 5, comma 9, del decreto-legge n. 95/2012), oltre a violare la direttiva 2000/78, sarebbe in contrasto con l’art. 21 della Carta dei diritti fondamentali….

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>