Il responsabile valutato negativamente dal Nucleo di valutazione ha il diritto ad accedere alla valutazione anche degli altri responsabili

Le conclusioni dei giudici nella sentenza del TAR Basilicata datata 8 febbraio 2019, n. 169

19 Febbraio 2019
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
È illegittimo il diniego di ostensione degli atti, da parte del Nucleo di valutazione, sulle valutazioni effettuate nei confronti di altri responsabili dei servizi, se a chiederle è il responsabile che abbia subito una valutazione non positiva e che intenda tutelare tale giudizio negativo in via giudiziale. Queste sono le conclusioni cui è giunto il TAR per la Basilicata con la sentenza 8 febbraio 2019, n. 169.

La richiesta di accesso agli atti

Il responsabile amministrativo ha chiesto la copia delle valutazioni di tutti gli altri responsabili di servizi, unitamente alla copia di tutta la documentazione, presentata dai predetti funzionari, al fine di controdedurre al giudizio negativo espresso dal Nucleo di Valutazione nei suoi confronti.
Il Nucleo di Valutazione con proprio verbale negava l’accesso agli atti in ragione dell’applicazione della normativa vigente sulla privacy, che riconosce al lavoratore dipendente non solo la tutela della riservatezza in senso più stretto, ma anche dell’identità personale del lavoratore che nel contesto lavorativo ha il diritto di limitare la diffusione di notizie che lo riguardano. Inoltre, il rifiuto è stato motivato dalla necessità di non trasferire a terzi conoscenze di altri…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento