Questo articolo è stato letto 15 volte

Il divieto di reformatio in pejus: limiti

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 13/9/2011)

Il dipendente pubblico gode di una tutela particolare nel caso di passaggio di carriera presso la stessa o diversa amministrazione; infatti l’art. 202 del d.p.r. 10 gennaio 1957 n. 3 prevede che agli impiegati con stipendio superiore a quello spettante nella nuova qualifica è attribuito un assegno personale, utile a pensione, pari alla differenza fra lo stipendio già goduto ed il nuovo, salvo riassorbimento nei successivi aumenti di stipendio per la progressione di carriera anche se semplicemente economica.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *