Federalismo fiscale con la stabilizzazione delle Province

Il federalismo fiscale è lontano dall’essere un percorso compiuto. Occorre costruire l’autonomia finanziaria e tributaria delle Province in modo da assicurare la piena copertura dei costi a fabbisogni standard dei servizi ai cittadini e un solido equilibrio dei bilanci degli enti, che oggi soffrono il calo delle entrate che si sta gravemente accentuando a causa della crisi internazionale. Ad oggi l’autonomia finanziaria delle Province è puramente nominale, perchè non esiste una compartecipazione ad un tributo erariale che sia una stabile base finanziaria di riferimento”.

Così è intervenuto il Presidente dell’UPI Michele de Pascale, intervenendo in audizione alla Commissione Parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale sull’assetto della finanza provinciale e le linee di sviluppo del federalismo fiscale.

Accanto alla stabilizzazione finanziaria – ha aggiunto il Presidente dell’UPI – occorre con urgenza chiudere la revisione della riforma del TUEL e restituire alle Province piena dignità istituzionale. Il Governo ha definito un testo che assicura a queste istituzioni una governance salda e funzioni certe: ci auguriamo che approdi a breve in Parlamento per chiudere questo percorso entro la fine della legislatura”.

>>  Audizione Commissione Federalismo Fiscale  giugno 2022

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.