Dipendente vessata, e spinta a tentare il suicidio. Datore di lavoro obbligato a risarcire anche se manca il mobbing

Marcello Serra 2 Gennaio 2013
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
Davvero difficile la vita per una donna impiegata in una farmacia: a renderle il lavoro ancora più duro i comportamenti degli altri lavoratori e del proprietario. Legittima la richiesta di risarcimento presentata dalla lavoratrice, sia per i danni esistenziali che per il pensionamento anticipato. Ribaltata la prospettiva tracciata in Appello: anche se non emerge un intento persecutorio, vanno analizzati i singoli episodi per valutare la responsabilità del datore di lavoro, e il relativo risarcimento.    

Episodi sgradevoli, e ripetuti nel tempo: vittima è una donna, dipendente di una farmacia. Sotto accusa il titolare, che non può essere salvato dalla semplice mancanza di un fil rouge che leghi le diverse vessazioni e che consenta di contestare l’ipotesi del mobbing (Cassazione, sentenza 18927/12).
Effetti devastanti. Assolutamente drammatica la storia vissuta da una donna, dipendente di una farmacia, rimasta vittima di vessazioni da parte del proprietario e dei colleghi. Devastanti gli effetti: depressione e tentato suicidio. E a quella pessima – praticamente invivibile – situazione lavorativa la donna addebita non solo il danno esistenziale, ma anche l’effetto del pensionamento anticipato. Per la giustizia, però, si tratta di pretese non legittime: per i giudici d’Appello – che seguono la falsariga del primo grado – manca una «strategia persecutoria». Quindi viene meno l’ipotesi del mobbing, e la possibilità di ottenere un riconoscimento dei danni e un conseguente risarcimento.
Oltre il mobbing… A ribaltare tale prospettiva provvedono i giudici di Cassazione, accogliendo il ricorso presentato dalla donna – centrato sulla veridicità della vicenda – e ponendo in secondo piano il totem del mobbing.
Principio di riferimento, secondo i giudici, è il dovere del datore di lavoro di tutelare il dipendente, soprattutto per ciò che concerne il fronte psico-fisico: lacune, in tal senso, sono sanzionabili anche a livello risarcitorio. Esemplare l’ipotesi del mobbing, che però non può portare ad azzerare la possibilità di contestare anche singoli episodi vessatori.
Per questo motivo è da censurare l’ottica dei giudici d’Appello, che, non riscontrando un «intento persecutorio», hanno considerato nulle le richieste di risarcimento avanzate dalla donna. Piuttosto, sarebbe stato molto più sensato valutare i singoli episodi e ‘pesarne’ gli effetti «vessatori e mortificanti» per la lavoratrice. E questo, difatti, è il compito che i giudici di Cassazione, accogliendo il ricorso, affidano alla Corte d’Appello per poter dare, in maniera definitiva, una risposta alla richiesta di risarcimento dei danni avanzata dalla lavoratrice.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento