Questo articolo è stato letto 443 volte

Decreto Crescita: l’impatto sul salario accessorio dei dirigenti secondo il MEF

Approfondimento di Vincenzo Giannotti

Decreto Crescita: l’impatto sul salario accessorio dei dirigenti secondo il MEF

Mentre attualmente sono stati risolti alcuni problemi legati alla correlazione del fondo delle risorse decentrate e delle posizioni organizzative, in attuazione delle coordinate del d.l. n. 34/2019 (cosiddetto Decreto Crescita), non ancora chiaro è l’impatto sul salario accessorio riferito ai dirigenti. I dubbi dovrebbero essere stati sciolti con la risposta del MEF, indirizzata alla Conferenza delle Regioni e Province Autonome, contenuta nella nota prot. 179877 del 1° settembre 2020.

La destinazione degli spazi assunzionali

Con la deliberazione n. 17/2019 la Sezione delle Autonomie della Corte dei conti ha risolto una questione di massima, precisando come le capacità assunzionali di dirigenti e quelle del personale possono essere tra loro cumulate per determinare un unico budget assunzionale. Si ricorda come gli spazi assunzionali siano, a partire dal 20 aprile 2020, ottenuti sulla base del valore soglia di ogni singolo Comune secondo le tabelle 1 e 3 che hanno distinto i comuni virtuosi, ossia quelli che hanno un rapporto tra spesa del personale e media delle entrate correnti, al netto del FCDE dell’ultimo anno del triennio, inferiore alla percentuale indicata nella tabella 1, potendo spingersi, anche utilizzando i resti assunzionali, fino a giungere al valore limite della percentuale indicata nella medesima tabella, per giungere a quei comuni che avendo una percentuale superiore al limite della tabella 1 sono da considerare non virtuosi, con obbligo di non superare la spesa del personale relativa al conto consuntivo dell’anno precedente (se non superano le percentuali della tabella 3) ovvero procedere ad una progressiva riduzione della spesa del personale (se con percentuale superiore anche a quella indicata nella tabella 3).
Ora risolto il problema relativo alla capacità assunzionale, con libertà da parte degli Enti locali di destinarla sia ai dirigenti che al personale dei livelli, si è posto il problema di come distinguere le due differenti aree, in tema di salario accessorio per remunerare il personale che si intende assumere.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>