Attestazioni degli OIV per obblighi di pubblicazione

L’Anac ha attivato un servizio per la rilevazione dell’assolvimento agli obblighi di trasparenza e la produzione della conseguente attestazione che deve essere utilizzato dagli OIV e dagli organismi con funzioni analoghe

7 Luglio 2023
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
L’Anac ha attivato l’applicativo web che deve essere utilizzato dagli OIV e dagli organismi con funzioni analoghe per la rilevazione dell’assolvimento agli obblighi di trasparenza e la produzione della conseguente attestazione.

A cosa serve

Il servizio consente l’acquisizione dei dati sulle attestazioni in materia di assolvimento degli obblighi di pubblicazione a cui amministrazioni pubbliche, enti pubblici economici, ordini professionali, società ed enti di diritto privato in controllo pubblico, società partecipate dalle pubbliche amministrazioni, enti privati di cui all’art. 2-bis, co. 3, sono tenuti ad adempiere secondo le indicazioni fornite con delibera ANAC 203/2023. Consente altresì, nella fase di monitoraggio, di acquisire le informazioni sull’eventuale adeguamento di quei soggetti per i quali sono risultante carenze nella fase di rilevazione.
L’applicazione permette di documentare – mediante specifica scheda – le verifiche, effettuate dall’OIV o organismo con funzioni analoghe, nella sezione «Amministrazione trasparente» o «Società trasparente» dei siti web delle amministrazioni/enti/società, circa la pubblicazione dei dati oggetto di attestazione, di anno in anno individuati dall’Autorità, e sulla loro qualità in termini di completezza, aggiornamento, formato.
L’applicazione permette di estrarre quei documenti utili (attestazione e scheda verifiche) ai fini della loro pubblicazione nella sezione «Amministrazione trasparente» o «Società trasparente» dei siti web delle amministrazioni/enti/società.

Sono tenuti all’attestazione sull’assolvimento degli obblighi di pubblicazione gli OIV, o gli altri organismi con funzioni analoghe, istituiti presso le «pubbliche amministrazioni» (di cui all’art. 2-bis, co. 1, del d.lgs. 33/2013), ai sensi dell’art. 14, co. 4, lett. g), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, dell’art. 44 del d.lgs. 33/2013 e, da ultimo, dell’art. 1, co. 8-bis, della l. 190/2012.

Redazione Il Personale

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento