Questo articolo è stato letto 368 volte

Mansioni superiori: la vacanza del posto è un presupposto indefettibile

mansioni_superiori

Il Caso: una dipendente di una USL impugnava la delibera del Comitato di Gestione n. 745 del 21/10/1991 della USL di Bronte, con la quale le veniva negato il riconoscimento di mansioni superiori.

Il TAR Catania, nella sentenza n. 1832/2016, afferma che in caso di svolgimento di mansioni superiori nel pubblico impiego, non spettano le maggiorazioni retributive, se non sussiste in pianta organica un posto (vacante) a cui le mansioni stesse siano riconducibili.
In tal caso, infatti, difetta la sussistenza di una delle tre condizioni necessarie, previste dall’art. 29, secondo comma, del D.P.R. n. 761/1979, ai fini del suddetto riconoscimento e cioè:
a) che le mansioni superiori si siano protratte per oltre 60 giorni nell’anno solare;
b) che tali mansioni si riferiscano ad un posto in pianta organica esistente e vacante;
c) che siano state espletate sulla base di formale incarico conferito dall’organo competente.

>> LEGGI la SENTENZA del TAR Catania n. 1832/2016 <<

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

 

 

 

CORSO audio video online a cura dell’Avv. Donato Antonucci

Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia

>> CLICCA QUI per consultare il PROGRAMMA <<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>