Questo articolo è stato letto 0 volte

Dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia: le misure a favore dei familiari

dislessia-disgrafia-disortografia-e-discalculia-le-misure-a-favore-dei-familiari.gif

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 2/3/2012)

La legge 8 ottobre 2010, n. 170 introduce nuove norme per la tutela dei soggetti affetti da disturbi di apprendimento in ambito scolastico.
La particolare sindrome oggetto di attenzione da parte del legislatore viene comunemente indicata con la sigla DSA, che sta per Disturbi Specifici di Apprendimento i quali, pur manifestandosi in presenza di capacità cognitive adeguate ed in assenza di patologie neurologiche o di deficit sensoriali, possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana.
Si tratta, in primo luogo, della dislessia che è un disturbo che si manifesta nella difficoltà nell’imparare a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidità della lettura. In secondo luogo, la legge considera la disgrafia quale disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficoltà nella realizzazione grafica.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>