Questo articolo è stato letto 13 volte

Stop ai pagamenti contanti di stipendi o pensioni erogati dalle P.a. per importi superiori a 500 euro

La Manovra nel capitolo sulla tracciabilità prevede che gli stipendi, le pensioni e gli altri compensi corrisposti dalla pubblica amministrazione centrale o periferica di importo superiore a 500 euro (anziche’ a 1.000 come è previsto nei pagamenti tra privati) ”debbono essere erogati con strumenti diversi dal denaro contante ovvero mediante l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici bancari o postali, ivi comprese le carte di pagamento prepagate”.

I pensionati, quindi, non potranno più andare a riscuotere la pensione in contanti alla Posta. E’ prevista anche una forma di incentivo per far si’ che anche i pensionati al minimo evitino di riscuotere la cifra presso gli uffici postali: sui relativi accrediti non si paga il bollo e alle banche ”è fatto divieto di addebitare alcun costo”.

(FONTE: www.ilpersonale.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *