Nuovo codice di comportamento dei dipendenti pubblici

In vigore da oggi il nuovo Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, come riformato dal regolamento di cui al d.P.R. 13 giugno 2023, n. 81

14 Luglio 2023
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
L’Aran con una nota del 6 luglio riepiloga le novità introdotte dal d.P.R. 81/2023, che entra in vigore il 14 luglio, recante la riforma del codice di comportamento dei dipendenti pubblici, tra le quali menziona:

– la responsabilità attribuita al dirigente per la crescita professionale dei collaboratori, e per favorirne le occasioni di formazione e le opportunità di sviluppo;
– l’espressa previsione della misurazione della performance dei dipendenti anche sulla base del raggiungimento dei risultati e del loro comportamento organizzativo;
– l’imposizione di comportamenti che sono atti a prevenire il compimento di illeciti al fine di anteporre l’interesse pubblico a quello privato;
– l’espressa previsione del divieto di discriminazione basato sulle condizioni personali del dipendente, quali ad esempio orientamento sessuale, genere, disabilità, etnia e religione;
– la previsione che le condotte personali dei dipendenti realizzate attraverso l’utilizzo dei social media non debbano in alcun modo essere riconducibili all’amministrazione di appartenenza o lederne l’immagine ed il decoro;
– il rispetto dell’ambiente, per contribuire alla riduzione del consumo energetico, della risorsa idrica e tra gli obiettivi anche la riduzione dei rifiuti e il loro riciclo.

>> Clicca qui per leggere: Codice di comportamento dei dipendenti pubblici: approvate le modifiche

Redazione Il Personale

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento