Questo articolo è stato letto 855 volte

Materiale utile per attivare lo smart working: alcuni esempi di atti

Smart working nella PA, ok al protocollo d'intesa tra INAIL e Ministero per la Pubblica Amministrazione

In tempi di emergenza sanitaria (Coronavirus) che sta paralizzando tutti gli ufici del Paese, segnaliamo un interessante esempio di atti per avvio delle modalità di smart working all’interno dell’amministrazione pubblica, grazie alla Provincia di Lucca che ha emesso un decreto presidenziale, rammentando che ai sensi dell’art. 2, del D.P.C.M. dell’8 marzo 2020, lett. r) “la modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, può essere applicata, per la durata dello stato di  emergenza  di  cui  alla  deliberazione  del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro  a  ogni rapporto di lavoro subordinato, nel  rispetto  dei  principi  dettati dalle  menzionate  disposizioni,  anche  in  assenza  degli accordi individuali ivi previsti; gli obblighi di informativa di cui all’art. 22 della legge 22 maggio 2017, n. 81, sono assolti in via  telematica anche  ricorrendo  alla  documentazione resa  disponibile sul sito dell’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro;”. La misura vale per l’intero territorio nazionale (si veda l’art. 1, lett. e) per la zona 1). Tale misura è accompagnata dalla raccomandazione ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodi di congedo ordinario o di ferie.

>> CONSULTA IL MODELLO QUI.

>> Allegato B – Schema accordo lavoro agile – Emergenza Covid 2019.

>> Scheda di monitoraggio.

>> FOCUS SMART WORKING.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>