Questo articolo è stato letto 498 volte

Decreto Sostegni: nuove tutele per i lavoratori fragili

assenze-dal-lavoro-statali-piu-malaticci-dei-dipendenti-privati.jpg

(da Il Sole 24 Ore) In collaborazione con Mimesi s.r.l.

Le disposizioni dell’articolo 15 del nuovo d.l. n. 41/2021 (cd. Decreto Sostegni) confermano il trattamento legislativo di favore e improntato al riconoscimento delle maggiori tutele per i lavoratori fragili, ora esteso temporalmente fino al 30 giugno 2021. È stata infatti introdotta un’ulteriore protezione per quanto concerne il periodo di comporto: nell’ipotesi in cui il dipendente non possa espletare le proprie mansioni in modalità agile, l’assenza dal lavoro sarà equiparata al ricovero ospedaliero, senza conseguenze ai fini del calcolo del comporto.

La salvaguardia di questi lavoratori dal contagio è una priorità che il legislatore ha assicurato sin dai primi provvedimenti emergenziali, individuando al riguardo due differenti categorie: i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità, e i lavoratori in possesso di certificazione che attesta la condizione di rischio derivante da immunodepressione, o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita.

Le assenze dal servizio
Per questi lavoratori, in buona sostanza (con un percorso legislativo sviluppatosi frammentariamente e con imprecisioni dall’inizio della pandemia fino a oggi), il periodo di assenza dal servizio è equiparato al ricovero ospedaliero. Per questo serve la prescrizione delle competenti autorità sanitarie, o del medico di base e/o assistenza primaria che ha in carico il paziente, fondata sulla documentazione di riconoscimento della disabilità o sulle certificazioni dei competenti organi medico-legali, i cui riferimenti sono riportati, per le verifiche, nella certificazione.

La chance del lavoro agile
Il beneficio è concesso dal 17 marzo 2020 fino al 30 giugno 2021, in continua proroga rispetto alle previsioni dei decreti dall’inizio della pandemia, ma solo in via generale, attesi ulteriori interventi selettivi. Infatti – con decorrenza 17 ottobre 2020 e sempre fino al 30 giugno 2021 – la tutela della equiparazione al ricovero ospedaliero può essere applicata esclusivamente se la prestazione lavorativa non può essere resa in modalità agile, anche con l’adibizione a una diversa funzione/mansione, compresa nella stessa categoria o area di inquadramento contrattuale, o allo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale, anche da remoto.
In caso di impossibilità a svolgere la prestazione in lavoro agile, il periodo di assenza dal servizio continua, fino al 30 giugno 2021, a essere equiparato al ricovero ospedaliero, con il relativo trattamento economico.

La copertura per il passato
Attraverso l’intervento del d.l. n. 41/2021 viene di fatto riconosciuta la tutela ai lavoratori fragili per tutto il periodo emergenziale, ovvero, come detto sopra, compreso il periodo dal 16 ottobre al 31 dicembre 2020, che risultava privo di tutela normativa, per via di una omessa normazione specifica, frutto di difficoltà legate verosimilmente a problemi di copertura economica, data la previsione di un tetto di spesa di bilancio a carico dello Stato di 130 milioni e di 100 milioni di euro, rispettivamente per il 2020 e per il 2021.

Il comporto
I periodi di assenza dal servizio dei lavoratori in condizione di fragilità non sono computabili ai fini del periodo di comporto e, per i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità, non rilevano per l’erogazione delle somme eventualmente corrisposte dall’Inps a titolo di indennità di accompagnamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>