Questo articolo è stato letto 186 volte

Concorsi pubblici: equipollenza titoli e discrezionalità della Commissione

OSSERVATORIO GIURISPRUDENZA

Permessi per disabili (ex art. 33, co. 6 legge 104/2020) ed esigenze di cura

Il Consiglio di Stato conferma il proprio orientamento in materia di equipollenza dei titoli nei concorsi pubblici, rimettendo il relativo accertamento alla legge ed escludendo che la Commissione di concorso possa intervenire in merito con valutazioni postume. Sentenza del Consiglio di Stato (Sez. III), 15 settembre 2020, n. 5460.

Massima

Qualora il bando richieda per la partecipazione ad una procedura selettiva in competizione (concorso pubblico o procedura di gara) il possesso di un determinato titolo di studio o di uno ad esso equipollente, la determinazione dello stesso deve essere intesa in senso tassativo, con riferimento alla valutazione di equipollenza formulata da un atto normativo, e non può essere integrata da valutazioni di tipo sostanziale compiute ex post dall’Amministrazione.

Fatto

L’appellante, ricorrente in primo grado, ha partecipato al concorso per la copertura di n.1 posto a tempo indeterminato di Collaboratore Professionale Sanitario – Educatore Professionale (Cat. D) per l’Azienda USL Toscana Nord Ovest.
Il bando prevedeva come requisito di ammissione al concorso il possesso della “Laurea in Educazione professionale appartenente alla classe SNT2 (classe delle lauree in Professioni Sanitarie della Riabilitazione); ovvero il Diploma Universitario di Educatore Professionale di cui al DMS 08.10.1998 n. 520, conseguito ai sensi dell’art. 6 comma 3 D.Lgs. n. 502/1992; ovvero Diplomi conseguiti in base al precedente ordinamento e riconosciuti equipollenti e/o equiparati al Diploma Universitario ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici uffici, ai sensi delle vigenti disposizioni del D.M.S. 27.02.2000 e ss.mm.ii.”.
La ricorrente ha conseguito il diploma di Laurea in “Scienze dell’educazione” con indirizzo didattico “Educatore Professionale” il 21.06.1999 presso la Facoltà di Scienza della Formazione (derivante dalla trasformazione della Facoltà di Magistero) dell’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli: ha partecipato alla procedura selettiva ritenendo tale titolo equipollente a quanto previsto dal bando di concorso.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>