Questo articolo è stato letto 2.229 volte

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA): dal 2 settembre le domande ai Comuni

famiglia

Dal 2 settembre 2016 sarà attivo il nuovo Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA), un beneficio mensile di 80 euro destinato a ogni componente delle famiglie più bisognose.
Lo annuncia ufficialmente l’Inps con la circolare n. 133 del 19 luglio 2016.

L’istituto è disciplinato D.M. (Min. lavoro e politiche sociali) 26 maggio 2016, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 18 luglio 2016. Questa settimana l’INPS mediante la circolare n.133/2016 ha chiarito in maniera ulteriore l’ambito di applicazione del beneficio. Ora, al fine di perfezionare l’attuazione della misura verrà effettuato un ulteriore passo: il ministero del Lavoro fa sapere che sarà a breve pubblicato l’avviso pubblico per finanziare il rafforzamento dei servizi e gli interventi collegati al Sia da parte dei Comuni.

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico a tutte le famiglie che si trovano nelle condizioni economiche più disagiate.
La gestione operativa del sussidio è affidata ai Comuni, che analizzano le domande pervenute, e all’Inps, che effettua i controlli delle posizioni dei soggetti richiedenti.
Il SIA sfrutta il circuito Mastercard e, similmente alla vecchia Social Card, sarà erogato tramite carta prepagata. Il Sostegno viene erogato ogni due mesi ed è equivalente a 80 euro mensili se il nucleo familiare è composto da una sola persona, 160 euro se è composto da due membri, 240 euro se i membri sono tre, 320 euro se sono quattro e 400 euro se sono cinque o più.

Hanno diritto al SIA i cittadini italiani o comunitari, i loro familiari e i cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo. I richiedenti devono inoltre possedere determinati requisiti. Riceveranno gli aiuti le famiglie tra i cui membri ci sia almeno un minorenne, un disabile o una donna in stato di gravidanza e che abbiano un ISEE inferiore uguale a 3.000 euro.

Per avere diritto al sussidio è innanzitutto necessario aderire un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa predisposto dal Comune di residenza. Si tratta di un “progetto personalizzato di presa in carico” finalizzato al “superamento della condizione di povertà, al reinserimento lavorativo e all’inclusione sociale”.
Lo scopo dichiarato è dunque quello di aiutare le famiglia a superare la condizione di bisogno economico e riacquistare una completa indipendenza.

La domanda per il Sostegno per l’Inclusione Attiva può essere presentata direttamente alproprio Comune di residenza “dopo 45 giorni dall’entrata in vigore del Decreto”, e quindi a partire dal 2 settembre 2016. Saranno i Comuni a inoltrare le domande all’Inps per la verifica delle condizioni economiche della famiglia.

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

 

 

 

 

CORSO audio video online a cura dell’Avv. Donato Antonucci

Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia

>> CLICCA QUI per consultare il PROGRAMMA <<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>