Questo articolo è stato letto 259 volte

La Corte Costituzionale boccia la riforma Madia della pubblica amministrazione

la-funzione-pubblica-e-lanci-sullapplicazione-della-legge-anticorruzione.jpeg

Ad appena pochi giorni dall’approvazione definitiva di ben cinque decreti attuativi della riforma Madia, tra cui quello importantissimo sulla dirigenza, la Corte Costituzionale, con sentenza n. 251/2016 ha dichiarato l’incostituzionalità della riforma Madia, in quanto lede l’autonomia delle Regioni.

La legge delega Madia (legge n.124/2015) viola la Costituzione laddove prevede di riformare l’assetto pubblico solo “previo parere” e non “previa intesa” con le Regioni. In materie su cui queste non possono essere solo consultate: dai dirigenti della sanità alle partecipate e ai servizi locali come trasporti, rifiuti, illuminazione.

La legge delega deve quindi cambiare e di conseguenza anche tre su quattro dei decreti delegati “incriminati”. Si salva solo il testo unico del pubblico impiego, ma solo perché non ancora approvato dal Consiglio dei ministri (c’è tempo fino a febbraio). Mentre gli altri tre (dirigenti, partecipate, servizi pubblici) devono di fatto essere riscritti.

LEGGI la SENTENZA della Corte costituzionale 25/11/2016 n. 251

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>