Questo articolo è stato letto 558 volte

In Gazzetta Ufficiale la legge sul lavoro agile

lavoro_agile

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 135 del 13 giugno 2017 la legge 22 maggio 2017, n. 81 relativa alla tutela del lavoro autonomo e al lavoro agile, anche detto smartworking, per i lavoratori subordinati anche delle Pubbliche Amministrazioni.

LEGGI IL TESTO DI LEGGE

Proprio la scorsa settimana il Ministro Madia aveva firmato la direttiva sul lavoro agile nella PA, contenente le linee guida sulle regole inerenti l’organizzazione del lavoro finalizzate a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei lavoratori subordinati, inclusi i dipendenti pubblici.

Che cos’è il lavoro agile?

Come stabilisce l’articolo 18 della legge n. 81/2017, il lavoro agile è una forma flessibile di lavoro che viene accordato tra le parti (lavoratore subordinato e datore di lavoro) con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi e senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, con il possibile utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento dell’attività lavorativa.

La prestazione lavorativa viene eseguita, in parte all’interno di locali aziendali e in parte all’esterno senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.
Il datore di lavoro è responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici assegnati al lavoratore per lo svolgimento dell’attività lavorativa.

Forma dell’accordo tra lavoratore e datore di lavoro

L’accordo è stipulato per iscritto ai fini della regolarità amministrativa e della prova, e disciplina l’esecuzione della prestazione lavorativa svolta all’esterno dei locali aziendali, anche con riguardo alle forme di esercizio del potere direttivo del datore di lavoro ed agli strumenti utilizzati dal lavoratore.
L’accordo individua altresì i tempi di riposo del lavoratore nonché le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro.

Retribuzione lavoratore

Inoltre, la legge stabilisce che il lavoratore che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile ha diritto ad un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato, in attuazione dei contratti collettivi di cui all’articolo 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, nei confronti dei lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all’interno dell’azienda.

 

Consigliamo il CORSO di FORMAZIONE:
LA DISCIPLINA DEL PUBBLICO IMPIEGO DOPO I DECRETI ATTUATIVI MADIA
Relatori: Giuseppe Canossi, Stefano Gliniansky, Sylvia Kranz, Marco Rossi

Bologna, 5 luglio 2017

CONSULTA il PROGRAMMA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>