Questo articolo è stato letto 128 volte

Coronavirus: nessun automatismo fra contagio sul lavoro e responsabilità delle aziende

Coronavirus: nessun automatismo fra contagio sul lavoro e responsabilità delle aziende

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, ha incontrato questa settimana i vertici dell’INAIL con riferimento al delicato tema della responsabilità del datore di lavoro per i casi di infezione da Coronavirus nell’ambiente di lavoro. Nel corso della riunione si è condiviso l’orientamento – già espresso dall’Istituto stesso – secondo cui, dal riconoscimento da parte dell’INAIL di infortunio nei casi di infezione da Covid-19 in occasione di lavoro, non discende automaticamente la responsabilità del datore di lavoro. “Fondamentale per le aziende – spiega il ministro Catalfo – sarà il rispetto dei principi stabiliti dai protocolli di sicurezza stipulati da parti sociali e Governo. Proprio per fugare tutti i dubbi emersi in questi giorni, i tecnici del mio Ministero e dell’Istituto sono impegnati nell’elaborazione di un nuovo documento che fornisca più specifici chiarimenti su questo tema”, conclude il Ministro.
In sintesi, spiega una nota dell’INAIL, i criteri applicati dall’Istituto per l’erogazione delle prestazioni assicurative ai lavoratori che hanno contratto il virus sono totalmente diversi da quelli previsti in sede penale e civile, dove è sempre necessario dimostrare il dolo o la colpa per il mancato rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza.

>> LA NOTA DELL’INAIL.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>