Questo articolo è stato letto 46.035 volte

ANCI Risponde sul possibile utilizzo delle graduatorie concorsuali degli altri enti

monitoraggio-delle-graduatorie-concorsuali-riaperta-la-rilevazione.jpg

L’ANCI risponde al quesito posto da un Comune sul possibile utilizzo delle graduatorie concorsuali degli altri enti.

DOMANDA:

Esiste un criterio per individuare l’ente con cui stipulare l’accordo postumo per l’utilizzo della graduatoria per assunzione a tempo indeterminato (es. stessa provincia 7 comuni confinanti ecc)?
Il regolamento dell’ente richiedente nulla dispone in merito ovvero non specifica se devono essere o meno limitrofi. Abbiamo richiesto agli enti confinanti che stanno svolgendo o hanno svolto concorsi di categoria e profilo corrispondente all’assunzione da effettuare, in base alle nostre conoscenze (ad oggi non abbiamo avuto risposta). L’Ente ha un accordo già stipulato, ma la graduatoria è esaurita. Un idoneo di un concorso (che in passato ha lavorato a tempo determinato presso di noi) ha segnalato il Comune in cui è validamente collocato in graduatoria, si tratta però di un ente non limitrofo, di altra provincia. Attingendo alla stessa, laddove il Comune addivenga all’accordo, violiamo regole di trasparenza ed imparzialità? Potrebbe essere illegittima l’assunzione con la finalità dell’ammninistrazione, che è coprire il posto nel più breve periodo?

RISPOSTA:

In riscontro al quesito proposto è necessario premettere quanto segue. Il DL 90/2014 (art. 3 c. 5ter) ha esteso anche agli enti locali la regola valida per lo stato secondo cui prima di avviare la procedura concorsuale è necessario esaurire le proprie graduatorie (idonei), salvo comprovate non temporanee necessità organizzative adeguatamente motivate (art. 4 c. 3 L. 125/2013). Nel caso in cui non disponga di proprie graduatorie valide, l’ente può anche utilizzare le graduatorie di altri enti (artt. 14 c. 4 bis DL 95/2012 e 3 c. 61 L 350/2003) purchè: – abbia previsto tale modalità assunzionale nel proprio regolamento di organizzazione; – stipuli una convenzione (anche mediante semplice scambio di lettere) con l’amministrazione titolare della graduatoria (art. 3 c. 61 L 350/2003). Al termine di un lungo dibattito sul tema, secondo l’orientamento più recente l’accordo può anche essere successivo all’approvazione della graduatoria (C.Conti Umbria 124/2013), anche se per il Ministero dell’Interno resta comunque preferibile che esso intervenga prima della formale approvazione della graduatoria (parere n. 15700 5A3 0004435).

La questione su cui verte la querelle di cui si è fatto cenno relativa al momento della stipula della convenzione, attiene alla necessità che nell’utilizzo di graduatorie altrui non venga pregiudicata l’imparzialità dell’azione amministrativa, rendendo il processo di scelta maggiormente leggibile e trasparente, così da evitare azioni arbitrarie ed illegittime.

Venendo alla concreta questione posta nel quesito, questa stessa esigenza di imparzialità impone all’ente di predeterminare i criteri di scelta anche nel caso, ed anzi soprattutto nel caso, in cui si provveda a stipulare la convenzione successivamente all’approvazione della graduatoria, come nel caso prospettato essendo esaurita la graduatoria dell’ente già convenzionato. In tal senso la costante giurisprudenza che, appunto, considera presupposto fondamentale, per evitare scelte discrezionali che potrebbero invalidare la procedura, la predeterminazione dei parametri di utilizzo delle graduatorie nel regolamento di organizzazione, specialmente con riguardo ai criteri di individuazione degli enti da interpellare (numero e ordine). La prassi e la giurisprudenza, invece, non stabiliscono particolari vincoli in ordine ai criteri di scelta che il comune può adottare per individuare concretamente l’ente con cui convenzionarsi.

In sintesi, per quanto detto, con il proprio regolamento il comune dovrà prevedere l’utilizzo delle graduatorie di altri enti tra le modalità assunzionali e fissare i criteri di scelta della P.A con cui accordarsi, rispettando in tale ambito il solo principio dell’imparzialità del proprio agire e, dunque, senza ulteriori limitazioni sui concreti criteri da usare. Potrà così autonomamente decidere se prevedere come requisito prioritario, ad esempio, la distanza tra gli enti ovvero l’analogia di dimensioni, le caratteristiche geografiche o di funzionamento simili; se, ancora, limitare la scelta al solo ambito della propria provincia/regione o ampliare i confini all’intero territorio nazionale e, per altro verso, se interpellare solo enti del proprio comparto o anche enti pubblici che applicano contratti differenti. Sotto quest’ultimo aspetto, resta da evidenziare che la giurisprudenza ha più volte ribadito che elemento necessario ai fini dello scorrimento della graduatoria di altri enti è che vi sia omogeneità tra il posto richiesto e quello in graduatoria con riguardo a profilo, categoria professionale e regime giuridico (ad es part time – tempo pieno) (C.Conti e Minister Int. citati, Tar Veneto 864/2011). A tal fine è pertanto necessario confrontare con attenzione la declaratoria del profilo della graduatoria con quello che si ricerca in quanto nei singoli enti possono essere diversi. Infine, per completezza, si ritiene utile ricordare che anche nel caso di scorrimento delle graduatorie di altri enti si ritiene necessario la preventiva attivazione delle mobilità volontaria e di quella prevista dall’art. 34 bis D.Lgs 165/01 (F.P. parere 215/2005; circolari 4/2008 e 11786/ 2011).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 thoughts on “ANCI Risponde sul possibile utilizzo delle graduatorie concorsuali degli altri enti

  1. Buona sera sono in graduatoria nel.comune di bagno a ripoli (fi) inserito fine dicembre 2017 ,ora vedendo sul sito del comune a emesso un concorso come mobilita volontaria con la stessa mansione del mio effettuato ,li possono fare aspetto una risposta lal numero 380/72/53/359

    • Buona sera, sono in graduatoria nelle poste italiana, può un comune attingere a questa graduatoria con stesso grado e mansione?

  2. E’ possibile sapere i comuni, della provincia di Bari, in possesso di graduatorie in vigore della categoria C istruttore amministrativo?
    Grazie

  3. Buonasera,
    mi chiamo Solari Michela, La disturbo per chiederLe un parere. 2 anni fa circa, feci un concorso pubblico per istruttore amministrativo e sono arrivata terza in graduatoria per TEMPO PIENO ED INDETERMINATO, scrivo questo in grande perché vengo al punto, qualche tempo dopo un Ente Locale, mi ha proposto una assunzione a tempo indeterminato, ma part time 18 ore 50%, usufruendo dalla graduatoria del concorso a tempo pieno, io all’ epoca accettai, ora mi ha chiamato un altro Ente, sempre chiedendo della graduatoria del concorso predetto, però mi hanno detto che non possono attingere in quanto sono stata assunta da altro Ente che aveva usufruito di quella graduatoria seppur al 50%, quindi, io non posso accedere alla loro proposta, questa, per tempo pieno ed indeterminato. Chiedo a me non sembra giusto visto che io feci il concorso per un tempo pieno e indeterminato… In ogni caso, secondo Lei, conservo, ancora la disponibilità del 50 %( libero) da quella graduatoria, se qualche altro Ente dovesse usufruirne per l ‘altro 50%?

    La ringrazio moltissimo e spero in un Suo cortese riscontro, anche per sapere cosa rispondere.
    Distinti saluti.
    Michela.

    • Il Dipartimento della Funzione Pubblica con proprio parere n.204/2005 ha avuto modo di precisare in tema di passaggio per mobilità di un dipendente part time con trasferimento a tempo pieno che “… se un dipendente con rapporto di lavoro part – time possa essere trasferito in mobilità in altra amministrazione a tempo pieno … non si ravvisano impedimenti al passaggio per mobilità con trasformazione del rapporto. In generale, se è vero che il dipendente ha il diritto di chiedere la trasformazione del rapporto solo dopo un triennio dalla data di assunzione, non è precluso all’ente, il quale abbia la disponibilità del posto in organico e la copertura finanziaria e che ritenga tale scelta rispondente alle proprie esigenze organizzative, di procedere alla trasformazione anticipata”. Mentre non è stata prevista l’ipotesi inversa. Ora, a parere dello scrivente, non vi è alcun dubbio che una volta uscito dalla graduatoria il dipendente non sia più utilizzabile dalla medesima amministrazione, mentre ciò avrebbe potuto avvenire se l’assunzione fosse stata disposta a tempo determinato (vedi art.36 del d.lgs. 165/01 secondo cui “Per prevenire fenomeni di precariato, le amministrazioni pubbliche, nel rispetto delle disposizioni del presente articolo, sottoscrivono contratti a tempo determinato con i vincitori e gli idonei delle proprie graduatorie vigenti per concorsi pubblici a tempo indeterminato … ferma restando la salvaguardia della posizione occupata nella graduatoria dai vincitori e dagli idonei per le assunzioni a tempo indeterminato”. Tuttavia, avendo l’ente assunto da una graduatoria a tempo indeterminato e a tempo pieno, dovrebbe essere applicabile l’art.53 comma 13, del CCNL 2016-2018 secondo cui “I dipendenti che hanno ottenuto la trasformazione del proprio rapporto da tempo pieno a tempo parziale hanno diritto di tornare a tempo pieno alla scadenza di un biennio dalla trasformazione, anche in soprannumero, oppure, prima della scadenza del biennio, a condizione che vi sia la disponibilità del posto in organico”. In questo caso si tratterebbe di un diritto soggettivo pieno da esercitare su semplice domanda del dipendente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>