Questo articolo è stato letto 194 volte

Whistleblowing: nota breve del Senato sulle segnalazioni da parte dei lavoratori di illeciti

whistleblowing

Il Servizio Studi del Senato ha pubblicato una nota breve sul disegno di legge avente ad oggetto il cd. whistleblowing, “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”.

LEGGI la NOTA BREVE

La nota breve ripercorre tutte le importanti modifiche apportate al disegno di legge sul whistleblowing e ricorda che l’articolo 1 modifica l’attuale disciplina in materia relativa ai lavoratori pubblici (posta dall’art. 54-bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni), mentre l’articolo 2 concerne i lavoratori del settore privato.

Rispetto all’attuale normativa, in materia di whistleblowing, per i lavoratori pubblici, le novelle di cui all’articolo 1 confermano il principio di tutela – in base al quale l’autore della segnalazione o denuncia non può essere sottoposto a misure (determinate dalla segnalazione o denuncia) aventi effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro – e presentano le seguenti modifiche ed integrazioni:

  • sotto il profilo soggettivo, l’ambito di applicazione della disciplina viene esteso ai lavoratori pubblici diversi dai lavoratori dipendenti (“collaboratori o consulenti, con qualsiasi tipologia di contratto o di incarico”) nonché: ai lavoratori, collaboratori e consulenti degli enti pubblici economici; a quelli degli enti di diritto privato sottoposti a controllo pubblico (secondo la nozione di società controllata di cui all’art. 2359 del codice civile); ai lavoratori ed ai collaboratori, a qualsiasi titolo, di imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzino opere in favore dell’amministrazione pubblica (comma 1, capoverso 2);
  • sotto il profilo oggettivo, si specifica (comma 1, capoversi 1 e 2) che l’ambito di applicazione riguarda le segnalazioni o denunce effettuate nell’interesse dell’integrità della pubblica amministrazione. Una modifica approvata dalla 1a Commissione del Senato ha soppresso il requisito della buona fede dell’autore della segnalazione o denuncia, requisito previsto dal testo trasmesso dalla Camera. Quest’ultimo definiva, ai fini in oggetto, la buona fede come la ragionevole convinzione, fondata su elementi di fatto, che la condotta illecita si fosse verificata e prevedeva che la buona fede fosse, in ogni caso, esclusa qualora il segnalante avesse agito con colpa grave;

Continua a leggere tutte le modifiche

 

NOVITA’ EDITORIALE:
La riforma del pubblico impiego e della valutazione

La riforma del pubblico impiego e della valutazione

Arturo Bianco, Alessandro Boscati, Renato Ruffini , 2017, Maggioli Editore
Costituzione del fondo per la contrattazione decentrata del personale e dei dirigenti, anche alla luce dei tetti e dei tagli dettati dalla normativa; ripartizione delle risorse per la incentivazione del personale, applicazione della produttività e delle altre forme di incentivazione del...

40,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>