Questo articolo è stato letto 1.814 volte

Obbligo di residenza nella sede di servizio: residua efficacia e ragioni di illegittimità costituzionale

obbligo-di-residenza-nella-sede-di-servizio-residua-efficacia-e-ragioni-di-illegittimita-costituzionale.gif

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 21/7/2011)

È ancora in vigore l’art. 12 del d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3 (testo unico degli impiegati civili dello Stato), il quale prevede, sia pure per alcune categorie di dipendenti pubblici, l’obbligo di residenza anagrafica presso il comune ove il dipendente ha la sede di servizio.
La norma è stata dettata non dalla finalità, che sarebbe meramente emulativa, di limitare in sé la libertà di scelta del luogo di residenza del pubblico dipendente, bensì dallo scopo, in relazione ai suoi doveri di servizio, di meglio assicurare che egli adempia con puntualità e diligenza il suo obbligo di recarsi al lavoro e senza eccessivo dispendio di tempo ed energie, cioè in vista del buon andamento del servizio.

Continua leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>