Questo articolo è stato letto 533 volte

Nuovi voucher: ecco come si paga nel portafoglio virtuale

Lavoro occasionale e corretto regime per Enti locali

Le modalità di pagamento delle somme da corrispondere ai prestatori di lavoro con i nuovi voucher sono cambiate. Come rendono noto i Consulenti del lavoro, nel comunicato del 22 settembre 2017, sono stati predisposti dall’INPS nuovi strumenti di pagamento elettronico con addebito in c/c, o su carta di credito/debito, gestiti attraverso la modalità di pagamento “pagoPA” di Agid.

Portafoglio virtuale

È possibile versare le somme necessarie per alimentare il c.d. portafoglio virtuale dell’utilizzatore attraverso strumenti di pagamento elettronico esclusivamente dal Portale dei Pagamenti INPS – sezione Prestazioni Occasionali, attraverso l’utilizzo delle credenziali personali dell’utilizzatore (PIN Inps, Carta Nazionale dei Servizi o dello SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale). Il Portale dei Pagamenti INPS da accesso a tutte le modalità di pagamento elettronico “pagoPA” di Agid per l’acquisto di titoli di pagamento per Libretto Famiglia, per il versamento delle somme per il Contratto di Prestazione Occasionale e la visualizzazione e stampa delle ricevute dei pagamenti effettuati tramite PagoPA.

Gli utilizzatori del Libretto Famiglia e del Contratto di Prestazione Occasionale possono effettuare i versamenti necessari per alimentare il proprio c.d. portafoglio elettronico tramite modello F24 Elementi identificativi (ELIDE). L’utilizzatore dovrà apporre nella sezione “CONTRIBUENTE” il proprio Codice Fiscale ed i relativi dati identificativi. Nella sezione “ERARIO ED ALTRO” i relativi campi dovranno essere valorizzati come segue:
– campo “tipo”, valorizzare la lettera “I”;
– campo “elementi identificativi”, non dovrà essere inserito alcun valore;
– campo “codice”, valorizzare la causale contributo:

  • per il Libretto Famiglia, utilizzare la causale “LIFA”;
  • per il Contratto di prestazione occasionale, utilizzare la causale “CLOC”;

– campo “anno di riferimento”, indicare l’anno cui si riferisce il versamento;
– campo “importi a debito versati”, indicare l’importo versato da utilizzare, attraverso la piattaforma telematica INPS, per il pagamento di prestazioni occasionali.

Si ricorda che il modello F24 ELIDE potrà contenere solo importi a debito e non consente compensazioni. Le Pubbliche Amministrazioni utilizzeranno il modello F24EP.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>