Questo articolo è stato letto 665 volte

Mobbing nei confronti del Segretario: condanna piena per il Sindaco e la Giunta – Il Commento di V. Giannotti

mobbing

di V. Giannotti

Nessuna clemenza, da parte dei giudici contabili, per il Sindaco e l’intera Giunta Comunale per le attività persecutorie (mobbing) perpetrate nei confronti del Segretario Comunale, le cui spese accertate dal giudice del lavoro sono state poste per intero a carico dei citati organi politici ed, in aggiunta, in solido tra di loro. Tali sono le conclusioni a cui è pervenuta la Corte dei conti, nella sentenza n.174/2016.

IL FATTO
Il Sindaco, su sollecitazione della Giunta Comunale aveva disposto, la revoca dell’incarico di Segretario Comunale. A seguito della procedura cautelare, il giudice del lavoro aveva disposto la reintegrazione nell’incarico e, dall’esame degli atti, si evinceva, altresì, una condotta persecutoria nei confronti del citato Segretario.
Il Tribunale ordinario, oltre alla reintegra del Segretario nella sua precedente funzione, disponeva la seguente condanna all’Amministrazione comunale, così quantificata: a) risarcimento del danno patrimoniale pari ad euro 5.442,81 oltre interessi; b) la somma di euro 55.000,00 a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale subito, con rivalutazione ed interessi; c) pagamento delle spese di lite quantificate in complessivi euro 4.600,00; d) le spese per la consulenza tecnica d’ufficio. Il totale della somma da corrispondere era complessivamente pari a € 68.424,03 che veniva pagato al Segretario a fronte della non opposizione alla sentenza in appello a causa del parere negativo fornito agli amministratori da parte del loro legale.

Continua a leggere l’articolo

Consigliamo il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>