Questo articolo è stato letto 348 volte

Le norme da osservare per poter effettuare assunzioni

Approfondimento di Livio Boiero

Le norme da osservare per poter effettuare assunzioni

Per il raggiungimento degli obiettivi posti all’Italia in sede comunitaria, il legislatore, a partire dalla legge finanziaria n. 296/2006, ha imposto dei limiti alle facoltà assunzionali degli Enti locali, i quali sono stati diversamente declinati in base alla natura, alla dimensione ed all’eventuale virtuosità dell’ente destinatario del vincolo, con il compito primario di assolvere alla funzione di contenimento della spesa corrente ai fini del coordinamento della finanza pubblica, attraverso il contenimento e la progressiva riduzione della spesa del personale.
Nello specifico, per gli enti sottoposti al Patto di stabilità interno, vengono inseriti i vincoli di spesa del personale stabiliti dall’art. 1 commi 557 e ss. l. 296/2006, alla cui violazione consegue il divieto di assunzione nell’anno successivo (comma 557 ter) e per gli Enti con popolazione inferiore ai mille abitati la norma di riferimento è all’art. 1 comma 562 della citata legge.
Il segnalato articolo 1, comma 557 impone agli Enti un vincolo assunzionale percentualmente parametrato alla spesa per cessazioni avvenute nel precedente anno e nel corso degli anni, sono state variate costantemente le percentuali assunzionali in relazione alla spesa per i cessati.
Con il comma 557 quater della predetta legge 296/2006 – come introdotto dall’art. 3 del d.l. 90/2014 a far data dal 2014 – viene inoltre valorizzato il principio del contenimento della spesa di personale, il quale, di fatto, va a sostituire quello di tendenziale riduzione dell’analoga spesa che aveva caratterizzato le politiche del personale degli Enti locali che erano soggetti al rispetto del patto di stabilità.
Per quanto concerne l’ambito di analisi oggetto del presente lavoro, appare opportuno fare cenno, altresì, anche agli altri vincoli presenti nell’ordinamento, che si possono definire generali ed ai quali sono sottoposte indistintamente tutte le amministrazioni pubbliche, e che producono i loro effetti in relazione all’esercizio della facoltà assunzionale tra i quali si annoverano…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

Il rapporto di lavoro pubblico

Il rapporto di lavoro pubblico

Angelo Capalbo, 2019, Maggioli Editore
Il volume tratta il percorso normativo che ha interessato la disciplina del rapporto di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni. Il processo riformatore ebbe inizio con la legge n. 421 del 1992, quale strumento di rimedio per uscire dalla crisi economica e nel corso degli anni la...

79,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>