Questo articolo è stato letto 124 volte

Il part time verticale e i problemi del riproporzionamento

il-part-time-verticale-e-i-problemi-del-riproporzionamento.jpeg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 27/3/2013)

Il computo del periodo di congedo, dei periodi di sospensione dal lavoro e, in genere, delle altre forme di astensione facoltativa spettante ai lavoratori a tempo parziale presenta alcune problematicità. La questione è emersa in relazione al lavoratore a regime di part-time verticale.
Per un verso, al lavoratore a tempo parziale, se compatibili, debbono applicarsi gli istituti normativi previsti dal contratto relativo al personale con rapporto di lavoro a tempo pieno; per altro verso, occorre tenere conto della ridotta durata della prestazione.
Perciò, le ferie, le festività soppresse e le altre assenze previste dalla legge e dal contratto nel caso di part-time verticale spettano in numero proporzionato alle giornate di lavoro prestate nel corso dell’anno, salvo deroghe.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>