Questo articolo è stato letto 455 volte

Decreto “Cura Italia”: spese di sanificazione e disinfezione degli uffici

Emergenza Coronavirus, pprovato il Decreto Rilancio: fondo da 3,5 miliardi a sostegno dell'equilibrio dei bilanci degli Enti locali

È stato reso disponibile il decreto del Ministero dell’Interno, 16 aprile 2020 recante “Riparto del contributo, previsto dall’art. 114 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, c.d. “Cura Italia” per l’importo complessivo di 70 milioni di euro”.

>> IL TESTO DEL DECRETO DEL MINISTERO DELL’INTERNO, 16 APRILE 2020.

>> GLI ALLEGATI.

Il provvedimento, insieme ad un altro decreto del Viminale. è stato firmato questa settimana dopo il parere favorevole della Conferenza Stato-città espresso il 15 aprile scorso.
– decreto del Ministero dell’Interno, 16 aprile 2020 recante “Riparto del contributo, previsto dall’art. 114 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, c.d. “Cura Italia” per l’importo complessivo di 70 milioni di euro”
– decreto del Ministero dell’Interno, 16 aprile 2020, n. 2 recante “Riparto del del contributo, previsto dall’art. 115 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, c.d. “Cura Italia” per l’importo complessivo di 10 milioni di euro”.
I decreti ripartiscono 2 specifici fondi assegnati al ministero dell’Interno dal decreto legge n. 18/2020 (articoli 114 e 115).
Il primo decreto, con una dotazione di 70 milioni di euro, a firma del capo Dipartimento per gli Affari interni e territoriali di concerto con il Ragioniere generale dello Stato e il direttore generale della Prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, è finalizzato alle spese di sanificazione e disinfezione degli uffici, degli ambienti e dei mezzi di Comuni, Province, e Città metropolitane. Dei 70 milioni ripartiti, 65 vanno ai comuni e 5 alle province e alle città metropolitane. La ripartizione tiene conto della popolazione residente e del numero di casi di contagio da Covid-19 accertati.
Il secondo decreto, di 10 milioni di euro, firmato dal capo Dipartimento per gli Affari interni e territoriali del Ministero di concerto con il Ragioniere generale dello Stato, è finalizzato a contribuire alla spesa per le maggiori prestazioni di lavoro straordinario del personale di Polizia locale dei Comuni, delle Province e delle Città metropolitane impegnato nei controlli sul rispetto delle norme di contenimento dell’epidemia da Covid-19, e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale.
La ripartizione tiene conto, secondo quanto previsto dal decreto legge, della popolazione residente e del numero di casi di contagio da Covid-19 accertati, allo scopo di calibrare gli interventi in relazione al grado di esposizione al rischio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>