Questo articolo è stato letto 280 volte

Whistleblowing, dovere di fedeltà del lavoratore pubblico e licenziamento

Approfondimento di G. Crepaldi

Whistleblowing

Legittimamente agisce l’Amministrazione che licenzia il dipendente, nella specie un tecnico comunale responsabile dei lavori pubblici, che ha inviato una memoria difensiva, presentata a giustificazione di quanto oggetto di una precedente contestazione disciplinare, alla Procura della Repubblica, alla Prefettura e alla competente Soprintendenza ai beni architettonici, circa pretese illegittimità commesse dall’Amministrazione comunale.
In sintesi, la Corte di Cassazione (sez. lavoro, 24 gennaio 2017 n. 1752) ha ritenuto il comportamento del dipendente contrario all’obbligo di fedeltà sancito dall’art. 2105 c.c., da coordinarsi con i principi generali di correttezza e buona fede di cui agli artt. 1175 e 1375 c.c., stante il contenuto della memoria, diretta a gettare discredito sull’Amministrazione stessa.
La pronuncia si trova ad affrontare un problema delicato.
Un simile contegno del dipendente, infatti, per altro verso può essere letto come adempimento di quella doverosa collaborazione del pubblico dipendente all’emersione di fatti illeciti o comunque illegittimi nell’interesse collettivo posti in essere dalla pubblica amministrazione
L’art. 54 bis del d.lgs. 30 marzo 2001 n. 165, introdotto dalla legge anticorruzione 6 novembre 2012 n. 190, da ultimo modificato dal d.l. 24 giugno 2014 n. 90, convertito in legge  11 agosto 2014 n. 114, ha espressamente previsto, al primo comma, che “fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell’art. 2043 del codice civile”, il pubblico dipendente che denuncia all’autorità giudiziaria o alla Corte dei conti, o all’Autorità nazionale anticorruzione condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia.
E’ questo il whistleblowing.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiori approfondimenti consulta TUTTI i nostri SPECIALI

 

Ti consigliamo il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>