Questo articolo è stato letto 2 volte

Stretta sui dirigenti pubblici, mobilità, «pagelle» e stipendio legato ai risultati. Ecco i dettagli della riforma

Mobilità anche interamministrativa, un albo unico per tutti gli alti burocrati, salario di produttività vincolato all’effettiva capacità di ottimizzare la gestione finanziaria degli uffici statali e anche pagelle dettagliate in nome dell’efficienza. Sarà un mix di jobs act e di spending review a modellare la nuova fisionomia del dirigente pubblico italiano. Una micro-riforma che potrebbe prendere il via anche facendo leva sull’operazione in due fasi alla quale il governo sta pensando per dare il via ai primi interventi in chiave lavoro e occupazione. Se non a marzo nell’ambito delle misure collegate al jobs act, gli interventi sulla dirigenza prenderanno forma in ogni caso al più tardi ad aprile. Al momento, l’ipotesi più gettonata resta quella di far scattare il piano sul riordino dei vertici della burocrazia in parallelo a quello sulla complessiva riorganizzazione della pubblica amministrazione che, sulla base della tabella di marcia stilata dal premier Matteo Renzi, dovrebbero arrivare il prossimo mese. Anche se il dossier Cottarelli sulla revisione della spesa pubblica, che sarà reso noto entro il 10-15 marzo potrebbe accelerare il processo.
Intanto in nome della mobilità, oltre al cambio della guardia nei gabinetti e negli uffici legislativi e di staff dei ministeri, Palazzo Chigi sta già provvedendo in raccordo con i singoli dicasteri alla rotazione dei capi dipartimento.

La spinta della «spending»
È il restyling, seppure parziale, del pubblico impiego uno dei pilastri su cui poggia il pacchetto di proposte che il commissario straordinario alla spending review, Carlo Cottarelli, ha già fatto pervenire al Governo e che sarà esaminato nel dettaglio nei prossimi giorni dall’apposito Comitato interministeriale, presieduto dallo stesso premier. Due le parole chiave: mobilità e managerialità dei dirigenti, per i quali potrebbe essere indicata l’opportunità di collegare la retribuzione di risultato direttamente alla loro capacità di ridurre la spesa.

Mobilità e pagelle dettagliate per i dirigenti
A indicare la priorità del nuovo assetto della dirigenza è stata subito nei giorni scorsi il nuovo ministro della della Pa, Marianna Madia: «Cercheremo la giusta mobilità negli incarichi». La cornice di questo intervento, al quale si sta già lavorando a Palazzo Vidoni dove è arrivato come sottosegretario Angelo Rughetti, potrebbe essere rappresentata dal nuovo Albo unico (in cui raccogliere entrambe le due attuali fasce dirigenziali). La mobilità, anche interamministrativa, potrebbe scattare dopo 5 anni di permanenza in un’amministrazione. Potrebbe anche nascere un Albo unico per i dirigenti esterni a chiamata. Ma soprattutto si starebbe pensando a revisionare e a rendere più fluidi gli attuali strumenti per valutare l’attività dei dirigenti. Strumenti, per la verità, fin qui scarsamente utilizzati. Ora potrebbe arrivare una vera pagella, costruita su precisi indicatori da rendere pubblici. E dalla valutazione dei risultati raggiunti, soprattutto in termini di capacità di gestione finanziaria così come delineato dalla nuova spending review, dovrebbe a questo punto davvero dipendere l’assegnazione della fetta di retribuzione collegato al risultato.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>