Questo articolo è stato letto 0 volte

Spending review, via alla fase due per Comuni, Prefetture e Questure

Lobiettivo dichiarato da Palazzo Chigi è «rendere la Pubblica amministrazione più snella ed efficiente». Quello reale è recuperare risorse per evitare laumento dellIva dal primo luglio del 2013, la vera priorità dellesecutivo.
«La nuova fase di revisione della spesa non riguarderà solo gli enti locali, ma toccherà tutti», avverte il ministro dellEconomia Grilli. Nel mirino, dunque, oltre a Regioni, Comuni e Province, anche i ministeri e la macchina dello Stato sul territorio, come prefetture e questure. Si punta a non meno di 3,5 miliardi, poco più della metà di quanto necessario a sterilizzare lIva (altre risorse arriveranno dalla delega fiscale, con il riordino dei 720 bonus esistenti). Cifra che potrebbe salire di 2 miliardi, grazie allo sfoltimento dei contributi pubblici alle imprese, impostato dal piano Giavazzi. Il professore della Bocconi in realtà confidava in almeno 10 miliardi, ma pressioni di lobby e una prima revisione del ministero dello Sviluppo, limiteranno lintervento alle sole agevolazioni regionali. Due miliardi che potrebbero essere dirottati sul sociale (rifinanziamento della Social Card, detrazioni per le famiglie in difficoltà) e a copertura dei primi punti del pacchetto Passera (start up e agenda digitale).
Di pari passo, si riapre dunque il tavolo sulla spending review.
I lavori entreranno nel vivo solo a metà settembre, quando la nuova fase di tagli e sacrifici finirà con tutta probabilità in un “collegato” alla legge di stabilità (lex finanziaria), forse anche sotto forma di decreto legge. Sotto la lente del commissario Bondi ma anche dei ministri Giarda, Patroni Griffi e Grilli – i costi standard degli enti locali, così come promesso dallex risanatore di Parmalat, prima della pausa estiva: «A settembre ci sarà il redde rationem». Una resa dei conti che i Comuni per primi guardano con criticità, non condividendo con Bondi né obiettivo né metodo. LAnci, ad esempio, contesta il meccanismo “mediana”, caro al commissario. Gli enti spendaccioni che si trovano sopra quel valore di mezzo subiranno tagli ai trasferimenti. Secondo lassociazione, basare i calcoli sui “consumi intermedi” è limitato e fuorviante perché Siope, il sistema informatico del ministero dellEconomia, monitora le sole uscite per cassa. E dunque penalizza i Comuni che dilazionano i pagamenti ad anni successivi. Inoltre, nel calderone figurano spese essenziali e altre meno, con pesi assai diversi (consulenze, rifiuti, cancelleria, pulizia, manutenzione, utenze, affitti, comunicazione, trasporto pubblico). Solo il personale costa 15,7 miliardi, il 30% delle uscite. Ma è materia bollente, visto che già la prima spending review punta a tagliare 24 mila posti pubblici, di cui 13 mila locali. Ecco perché lAnci propone di usare i fabbisogni standard, «una fotografia più esatta» delle criticità. E di impiegare i risparmi ottenuti a riduzione del debito e non con meno trasferimenti centrali.
Poi ci sono le Province. Il loro “riordino” ne farà sparire 64, soppresse o accorpate. Ma questa operazione, decisa dalla fase uno della spending review, si riflette anche nella fase due. Con una coda di tagli di prefetture, questure, ex strutture di Motorizzazione e uffici scolastici. Un alleggerimento da 500 milioni.
Sullo sfondo, il rischio cortocircuito: ricollocare gli esuberi degli statali “centrali” sarà arduo se le strutture periferiche, che dovrebbero assorbirli, chiudono. I sindacati lo sanno e vigilano con preoccupazione. Infine, i ministeri: molte strutture a loro collegate, enti e istituti, potrebbero saltare. E il metodo “Consip” essere esteso a 60 miliardi di spesa aggredibile nel 2013, dai 50 fissati ora.

Fonte: La Repubblica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>