Questo articolo è stato letto 274 volte

Piani di razionalizzazione e lavoro flessibile. Le indecisioni dei giudici contabili

Approfondimento di V. Giannotti

Lavoro-flessibile

Due importanti dubbi sono sorti in merito alla possibilità di derogare sia al vincolo della riduzione del salario accessorio, come introdotto dalle disposizioni della legge di stabilità 2016, sia in merito all’esatto perimetro del vincolo delle spese flessibili nel caso in cui l’ente, pur virtuoso, non abbia sostenuto spese per lavoro flessibile, non solo nell’anno 2009 ma neppure nel triennio 2007-2009 previsto come alternativa dalla disposizione legislativa. I giudici contabili pur sollevano dubbi su una visione restrittiva della normativa rimettono due questioni di massima alla Sezione delle Autonomie.
Qui di seguito la ricostruzione operata dai giudici contabili sulle due questione di massima.

VINCOLO DELLA RIDUZIONE DEL SALARIO ACCESSORIO E PIANI DI RAZIONALIZZAZIONE
Non può non sottacersi, a proposito della riorganizzazione e razionalizzazione dei servizi cui conseguono possibili economie delle spese del personale sostenute dall’ente, il recente indirizzo della Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Toscana, che con deliberazione 06/09/2016 n.86 avevano avuto modo di precisare che, in materia di blocco del salario accessorio disposto dalla Legge di Stabilità 2016 (art.1 comma 236), non possono non assumere rilevanza le indicazioni contenute dalla Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, nella deliberazione n.26/2014, la quale aveva fornito risposta positiva alla possibilità di incrementare le risorse del salario accessorio fuori dai vincoli di riduzione, in caso di attivazione da parte dei Comuni dei piani di razionalizzazione della spesa (commi 4 e 5 dell’art. 16 del d.l. 6 luglio 2011, n. 98), ovvero attraverso un più efficiente utilizzo del personale, ciò in quanto l’intenzione del legislatore di ridurre la spesa di personale, ponendo un freno alle dinamiche del trattamento accessorio, si contrappone al favor dello stesso verso politiche di sviluppo della produttività individuale del personale.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>