Questo articolo è stato letto 149 volte

Onere della prova nel caso di malattia professionale

Categorie protette

Per la malattia professionale ciò che il lavoratore deve provare è solo lo svolgimento di un’attività lavorativa nociva di cui alla tabella degli artt. 139 d.P.R. n. 1124 del 1965 e 10 d.lgs. n. 38 del 2000 e non delle singole sostanze a cui è stato esposto nel corso dell’attività di lavoro, essendo tale prova assorbita da quella dello svolgimento dell’attività inclusa nella predetta tabella.

Questo è quanto affermato dalla Corte di cassazione nell’ordinanza del 5.4.2018.

La previsione nella tabella di un’attività lavorativa come fattore che con elevata probabilità può cagionare una specifica malattia va considerata nell’ottica non della presunzione di origine professionale e dell’inversione dell’onere della prova, ma della rilevanza probatoria e dell’assolvimento del carico probatorio.

LEGGI l’ ORDINANZA

 

Consigliamo il nuovo volume:

La giustificazione delle assenze negli Enti locali - Edizione 2018

La giustificazione delle assenze negli Enti locali - Edizione 2018

Livio Boiero, 2018, Maggioli Editore
La materia delle assenze nel pubblico impiego risulta complessa in quanto la sua disciplina è il risultato di norme sia di natura legislativa che contrattuale. Alcune di queste, inoltre, negli ultimi anni sono state più volte oggetto di modifiche. Il nuovo CCNL Comparto Funzioni Locali, il...

68,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>