Questo articolo è stato letto 250 volte

No alla mobilità dei dipendenti di società a totale partecipazione pubblica

mobilità

La Corte dei Conti Campania in una recente delibera (n. 56/2017) stabilisce che è preclusa ai dipendenti di società partecipate al 100% da un ministero l’applicabilità della mobilità.

La Corte risponde alla richiesta di parere di un Comune che voleva verificare la possibilità e legittimità del passaggio per mobilità di un dipendente assunto in una società a totale partecipazione pubblica.

La decisione

La Corte dei Conti afferma che non può considerarsi dipendente pubblico di altra amministrazione il personale di società partecipata al 100% da un Ministero, che non è stato assunto tramite procedure concorsuali pubbliche ma tramite procedure aziendali pubbliche. Ne consegue che è da ritenere preclusa l’applicabilità dell’istituto dell’art. 30 del d.lgs. 165/2001 (mobilità) “al personale di società partecipata al 100% da un Ministero, non assunto tramite procedure concorsuali pubbliche ma tramite procedure aziendali”.

LEGGI la DELIBERA della Corte dei Conti Campania, n. 56/2017

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>