Questo articolo è stato letto 29 volte

La Corte dei conti e i premi distribuiti a pioggia

la-corte-dei-conti-e-i-premi-distribuiti-a-pioggia.jpg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 29/7/2015)

Nell’ampia produzione giurisprudenziale del sistema di giustizia contabile si osservano pronunce che, più di altre, consentono di apprezzare le trasformazioni della Pubblica Amministrazione e il significato che deve essere attribuito ai principi costituzionali che la riguardano, soprattutto nell’uso delle risorse pubbliche.
In questo senso, merita attenzione la pronuncia della terza sezione giurisdizionale centrale d’Appello della Corte dei conti (20 maggio 2015, n. 301) che è venuta ad occuparsi del caso del dirigente che ha commesso irregolarità gestorie nella determinazione e applicazione del fondo per il trattamento accessorio previsto dall’art. 15 del C.C.N.L. del 1° aprile 1999 per il personale non dirigente degli enti locali.
A seguito di indagine dei Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica (S.I.F.P.) del Ministero dell’Economia e delle Finanze si rilevava, infatti, che il dirigente aveva proceduto all’erogazione di somme per progetti senza rispettare le condizioni normativamente previste per il loro finanziamento, determinando così l’inutile dispendio dei predetti fondi attraverso la loro distribuzione «a pioggia».

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>