Questo articolo è stato letto 975 volte

La corretta decorrenza delle progressioni economiche

Approfondimento di L. Boiero

progressioni economiche personale

Con il parere n. 49781/2017, la Ragioneria Generale dello Stato si credeva che avesse risolto tutti i problemi circa la corretta decorrenza delle progressioni orizzontali. Infatti, dopo la Funzione Pubblica e l’Aran, anche la Ragioneria generale aveva sostenuto che le progressioni economiche non possono avere una decorrenza retroattiva al 1°gennaio dell’anno in cui le relative graduatorie sono approvate. Specificatamente, il Mef così si esprimeva:

Nello specifico, codesta amministrazione chiede un parere sulla corretta  decorrenza delle progressioni,  ricordando che l’Aran con nota n. 7086 del 13/09/2016 e il Dipartimento Funzione Pubblica con nota n. 7259 del 05/02/2014 hanno indicato come legittima la decorrenza economica e giuridica riferita all’anno in cui viene approvata la graduatoria.
Al riguardo si rappresenta che questo Dipartimento ha condiviso, con nota prot.  n. 83583 del 27/10/2014, il citato orientamento del Dipartimento della Funzione Pubblica ed ha ritenuto che la decorrenza delle progressioni non possa essere anteriore al primo gennaio dell’anno nel quale risulta approvata la graduatoria delle stesse.
Pertanto, alla luce del consolidato orientamento in materia si conferma che, se  il procedimento in oggetto si perfeziona nel corso dell’anno 2017, la decorrenza giuridica ed economica delle relative progressioni non può legittimamente essere  retrodatata oltre il primo gennaio del medesimo anno”.

Esaminando le deliberazioni delle Sezioni regionali di controllo della Corte dei Conti,  emerge che, sul tema in trattazione,  persistono dei dubbi. Invero, un sindaco ha recentemente chiesto alla Sezione Regionale di controllo per la Calabria di pronunciarsi sulla seguente questione: “un contratto decentrato integrativo per il personale di un Ente Locale può prevedere e, quindi, consentire l’attribuzione delle progressioni economiche orizzontali con decorrenza economica e giuridica antecedente rispetto all’anno nel quale viene approvata la relativa graduatoria di merito”.

I giudici contabili, dopo una lunga disquisizione sul tema dell’ammissibilità oggettiva e soggettiva della questione proposta, sono giunti a dichiarare oggettivamente inammissibile il parere richiesto, in quanto, secondo il loro pensiero, l’interpretazione delle norme contrattuali è rimessa all’Aran.

Indirettamente però hanno risposto, richiamando ed allineandosi, ai pareri più in alto richiamati: “ peraltro, sollecitata da altro Ente, l’Aran con nota n. 7086 del 13/09/2016 ed il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento Ragioneria Generale dello Stato con parere del 24(03/2017, n. 49781, hanno evidenziato che “la decorrenza delle progressioni non possa essere anteriore al primo gennaio dell’anno nel quale risulta approvata la graduatoria delle stesse”. (cfr. Deliberazione n. 57/2018)

 

Consigliamo il volume:

Rapporto di lavoro e gestione del personale nelle Regioni e negli Enti locali

Rapporto di lavoro e gestione del personale nelle Regioni e negli Enti locali

Marco Mordenti, Pasquale Monea, Massimo Cristallo, 2018, Maggioli Editore
Il presente testo rappresenta il frutto del lavoro condiviso di un grup- po di esperti in materia di personale che hanno approfondito tutti gli aspetti relativi al tema delle risorse umane nella pubblica ammini- strazione, sia sul piano strettamente giuridico, sia sul piano di una corretta...

75,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>