Questo articolo è stato letto 301 volte

Furbetti del cartellino. La supremazia della legge sul contratto ed il concetto di alterazione del sistema di rilevazione delle presenze

Approfondimento di V. Giannotti

cartellini_sanremo

La Corte di Cassazione, Sez. Lav., sentenza 1/12/2016 n. 24574 affronta due problemi rilevanti in caso di licenziamento del pubblico dipendente che non abbia timbrato il proprio cartellino delle presenze. Il primo, sulla supremazia delle disposizioni legislative rispetto a quelle contrattuali; il secondo, sul concetto stesso di alterazione del sistema di rilevazione delle presenze al fine di stabilire l’ambito legale della disposizione legislativa. Qui di seguito sono analizzate le motivazioni della Suprema Corte.

IL FATTO
Sia il Tribunale di prime cure che la Corte territoriale avevano confermato la legittimità del licenziamento intimato ad un dipendente pubblico che si era allontanato dal proprio posto di lavoro senza la timbratura del proprio cartellino attraverso il sistema elettronico di rilevazione delle presenze. Secondo i giudici di appello, la condotta del dipendente si era materializzata in modo fraudolento, ritenendo che la citata condotta rientrasse nella fattispecie tipizzata dalla normativa della “falsa attestazione della presenza in servizio”, punita con la sanzione del licenziamento dall’art. 55 quater del D. L.gs 165/2001.
Avverso la citata sentenza ricorre il dipendente in Cassazione affidandosi a tre motivi, il primo sulla rilevanza delle disposizioni contrattuali rispetto a quelle legislative, il secondo evidenziando la mancata alterazione del sistema di rilevazione delle presenze, ed il terzo deducendo la sproporzione tra la condotta addebitata e la sanzione espulsiva, alla luce delle clausole negoziali collettive.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiore approfondimento CONSULTA lo SPECIALE sui FURBETTI DEL CARTELLINO

Ti consigliamo:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>