Questo articolo è stato letto 1.915 volte

Fabbisogno del personale degli enti locali: la Suprema Corte giudica la corretta procedura di consultazione sindacale – Il Commento di V. Giannotti

riunione_sindacati_accordi

di V. Giannotti (www.ilpersonale.it 12/7/2016)

La dibattuta questione sulla corretta procedura, che l’Amministrazione locale deve attivare nei corretti rapporti con le Organizzazioni Sindacali, qualora si debba discutere del fabbisogno del personale o del piano assunzionale annuale, è stata affrontata dalla Suprema Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13878/2016, che ne ha definito esattamente il perimetro sulla correttezza nei rapporti, al fine di evitare possibili comportamenti antisindacali.

IL FATTO
Una sigla sindacale aveva proposto ricorso ex art. 28 Stat. Lav. (condotta antisindacale) esponendo che il Comune, con deliberazione della Giunta aveva approvato la programmazione triennale dei fabbisogni del personale per il triennio 2008-2010, incluso il “Piano annuale assunzioni 2008″, in cui aveva previsto di non assumere – almeno nell’anno 2008 – personale con qualifica dirigenziale e tale determinazione era stata assunta previa concertazione tra le parti, come previsto dall’art. 6 CCNL per il personale del comparto Enti locali, che sancisce la necessità di tale concertazione per la trattazione delle questioni concernenti la gestione e la programmazione del personale, anche con riguardo all’andamento dei processi occupazionali. Con successive deliberazioni il Comune aveva modificato il suddetto provvedimento disponendo il conferimento di un incarico dirigenziale a tempo determinato, ai sensi dell’art. 110 digs. n. 267/2000, ed aveva proceduto successivamente con il citato affidamento dell’incarico.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>