Questo articolo è stato letto 0 volte

Critiche da Cgil, Cisl e Uil pronte alla protesta

In assenza di risposte dal governo, il sindacato è pronto a mobilitarsi per cambiare la legge di stabilità: «C’è troppo poco per il lavoro».
La leader della Cgil, Susanna Camusso, nel ricordare che «abbiamo una piattaforma con Cisl e Uil, a breve valuteremo come trasformarla in mobilitazione nei prossimi giorni», aggiunge: «Penseremo a tutte le forme utili» per sostenere le proposte attraverso un’iniziativa che «da un lato accompagni la discussione in Parlamento e dall’altro continui a tenere aperto il dialogo con il Governo».
Luigi Angeletti si spinge più in là: «La Uil è pronta a proteste forti e allo sciopero» dei dipendenti pubblici, contro il blocco dei contratti e del turn over, il taglio degli straordinari e le misure sulla liquidazione.
Del resto le categorie del pubblico impiego sono già sul piede di guerra: Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa hanno annunciato una mobilitazione a sostegno della stabilizzazione dei precari, e sollecitano un incontro chiarificatore con il ministro D’Alia: «Non possiamo escludere – affermano – nel caso in cui questo assurdo mutismo e la repentina chiusura al confronto dovessero perdurare, il ricorso a una forte mobilitazione generale».
Più prudente il numero uno della Cisl, Raffaele Bonanni: «Nella manovra c’è un’inversione di tendenza sul fisco.
Ma è ancora un segnale troppo debole.
I lavoratori ed i pensionati giustamente vogliono di più».

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>