Questo articolo è stato letto 395 volte

Sospensione del procedimento disciplinare in pendenza del procedimento penale secondo i contratti collettivi del pubblico impiego
Il Commento di R. Squeglia

effetti-disciplinari-della-sentenza-penale-di-patteggiamento-ed-interpretazione-delle-clausole-contrattuali-collettive.bmp

di R. Squeglia

La questione affrontata dalla pronuncia della S.C. che si segnala, concerne i rapporti tra procedimento disciplinare e procedimento penale nel rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione, nel sistema antevigente la riforma del 2009 (d.lgs. n. 150/2009, c.d.”decreto Brunetta”):
Come noto, mentre la regolamentazione di natura contrattuale prevedeva il principio della subordinazione dell’azione disciplinare a quella penale, di contro la rilegificazione della materia disciplinare, operata tramite il decreto delegato innanzi citato, modificando il D. lgs. n. 165/2001, ha successivamente introdotto l’opposto principio della separazione ed autonomia del potere disciplinare rispetto all’esito dell’azione penale.
Quantunque, nella disciplina legale del pubblico impiego, incluso quello delle regioni ed autonomie locali, che costituisce l’ambito di specifico interesse della Rivista che ci ospita, sia vigente il principio della autonoma celebrazione del procedimento disciplinare anche nelle ipotesi di connessione a quello penale, la sentenza n. 20813 della sezione lavoro della S.C., pubblicata lo scorso 14 ottobre, merita di essere segnalata all’attenzione del lettore.
Ciò in quanto la predetta pronuncia offre interessanti spunti in tema di identificazione della nozione di procedimento penale, anzi, più di preciso, dello stadio del procedimento penale che autorizzava, a rigore di clausola contrattuale, la sospensione del procedimento disciplinare nelle more della definizione di quello penale.
La rilevanza del tema è agevolmente percepibile, sol che si consideri che la sospensione dell’azione disciplinare nelle ipotesi di connessione dettate dalla clausola contrattuale, non è rimessa alla discrezionalità dell’ente (come per taluni aspetti oggi prevede il vigente art. 55 ter del D. Lgs. n. 165/2001), ma è obbligatoria, dando luogo ad una causa di invalidità del provvedimento adottato all’esito di procedimento disciplinare che avrebbe dovuto essere invece sospeso sino all’esito definitivo di quello penale. Nondimeno, nell’opposto caso di sospensione del procedimento disciplinare in un caso in cui avrebbe dovuto essere proseguito, si potrebbe porre il problema della legittimità del provvedimento alla stregua della violazione dei termini di conclusione della sequenza disciplinare.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>