Questo articolo è stato letto 1 volte

Sindacati, dopo sentenza Consulta dare risposte a lavoratori Province

sindacati-dopo-sentenza-consulta-dare-risposte-a-lavoratori-province.jpeg

“Dopo la sentenza della Corte Costituzionale è necessario uscire dal caos per dare ai lavoratori della Province tutele e risposte certe. A noi interessa un riordino complessivo degli enti territoriali che ne rilanci il ruolo quanto a servizi, professionalità e bisogni delle comunità locali. Un riordino che ridiscuta le funzioni degli enti locali senza svuotarne le casse e ristrutturi la spesa, salvaguardando servizi e occupazione. Eliminando le consulenze inutili e rilanciando la contrattazione”. E’ questo il commento di Rossana Dettori, Giovanni Faverin e Giovanni Torluccio – segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl – dopo che la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della riforma delle Province contenuta nel decreto ‘Salva Italia’.

Le tre federazioni chiedono che, in seguito alla bocciatura del decreto, si pensi a “un nuovo disegno organizzativo e istituzionale che investa anche Regioni e Comuni: il livello amministrativo provinciale va ridisegnato definendo nuove funzioni di area vasta”. Nello specifico, per Cgil, Cisl e Uil, occorre una “riorganizzazione dei livelli amministrativi che elimini la frammentazione delle funzioni fra enti strumentali, enti intermedi, società collegate e punti su una dimensione territoriale in grado di integrare i servizi facendo scendere i costi”. “E’ però impensabile che ciò avvenga per decreto legge e senza dare certezze ai cittadini su servizi essenziali come edilizia scolastica, formazione professionale e centri per l’impiego, che devono aggiungersi ad ambiente, viabilità e trasporti”, avvertono.

“Siamo sempre stati disponibili a ridiscutere l’assetto istituzionale -concludono Dettori, Faverin e Torluccio- scommettendo sulle tante professionalità di cui dispongono gli enti locali. Che vuol dire valorizzazione delle competenze, formazione e riqualificazione professionale”.

(FONTE: Adnkronos)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>