Questo articolo è stato letto 1.011 volte

Le indicazioni della Sezione Autonomie sugli incentivi tecnici non convincono

Approfondimento di V. Giannotti

Le conseguenze economiche in caso di mancata sottoscrizione del fondo delle risorse decentrate nell’anno

Particolarmente significativo è l’iter argomentativo, dei giudici contabili territoriali, che negano validità alle indicazioni della Sezione delle Autonomie la quale, nella recente deliberazione 6 aprile 2017 n.7, ha stabilito come, a seguito dell’efficacia del nuovo codice dei contratti, gli incentivi per le funzioni tecniche rientrino nel tetto del fondo per la contrattazione decentrata, capovolgendo le indicazioni che fino a quel momento, invece, li avevano considerati esclusi.

Le indicazioni della senzione autonomie

Secondo i giudici della nomofilachia contabile, avendo il nuovo codice degli appalti ampliato la platea dei beneficiari, estendendo gli incentivi anche agli appalti di servizi e forniture, verrebbero meno i presupposti che avevano precedentemente ritenuto esclusi i citati incentivi dai vincoli di riduzione delle risorse decentrate previste dal legislatore (art.9 comma 2-bis d.l.78/2010 e art.1, comma 236, della legge n. 208/2015), in quanto essi non vanno a remunerare prestazioni professionali tipiche di soggetti individuati e individuabili acquisibili anche attraverso il ricorso a personale esterno alla P.A.. Inoltre, continuano i giudici contabili, i nuovi incentivi di cui all’articolo 113 del d.lgs. n. 50/2016 non sono sovrapponibili agli incentivi per la progettazione, di cui all’art. 93, comma 7- bis, del d.lgs. n. 163/2006, oggi abrogato, in quanto i primi remunerano specifiche e determinate attività di natura tecnica svolte dai dipendenti pubblici, tra cui quelle della programmazione, predisposizione e controllo delle procedure di gara e dell’esecuzione del contratto escludendo l’applicazione degli incentivi alla progettazione.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>